Home Review STARTROPICS

STARTROPICS

( 1990-1992 NINTENDO NES )

di LittlePellizza

NON SOLO ZELDA!

                                                             StarTropics

Cover Usa

Sviluppatore/i Nintendo R&D3
Locomotive Corporation
Editore Nintendo
Registi Genyo Takeda
Designer Makoto Wada
Programmatore Masato Hatakeyama
Compositore Yoshio Hirai
Serie StarTropics
Piattaforma/i Sistema di intrattenimento Nintendo
Data Uscita
  • Flags of Canada and the United States.svg 1 dicembre 1990
    Zona PAL 20 agosto 1992
  • Virtual Console:
    Flags of Canada and the United States.svg 7 gennaio 2008
    Zona PAL 18 gennaio 2008
Genere(i) Azione avventura
Modalità/i Giocatore singolo

StarTropics è un videogioco di azione e avventura con elementi rpg pubblicato da Nintendo nel 1990 per NES . A differenza della maggior parte dei giochi Nintendo, non è mai stato rilasciato o destinato ad essere rilasciato in Giappone. È stato rilasciato solo in Nord America ed Europa. È stato prodotto, scritto e diretto da Genyo Takeda di Nintendo Integrated Research & Development (che ha anche sviluppato la serie Punch-Out!! ). StarTropics è stato seguito da un sequel intitolato Zoda’s Revenge: StarTropics II , pubblicato nel 1994.

StarTropics è stato rilasciato su Wii Virtual Console il 7 gennaio 2008 in Nord America  e l’11 gennaio 2008 nelle regioni PALè stato rilasciato tramite Wii U Virtual Console in Europa il 3 settembre 2015, in Australia il 4 settembre 2015, e in Nord America il 26 maggio 2016. L’11 novembre , 2016, il gioco (insieme ad altri 29 giochi) è stato incluso nella NES Classic Edition / Nintendo Classic Mini: Nintendo Entertainment System rilasciata da Nintendo.

La storia del gioco segue Mike Jones, 15 anni, capitano di una squadra di baseball del liceo di Seattle , mentre viaggia per visitare suo zio, un archeologo di nome Dr. Steven Jones, nel suo laboratorio sull’immaginario C- Isola nei mari del sud. Quando Mike arriva a casa del dottor Jones nel villaggio tropicale di Coralcola, scopre che suo zio è scomparso. Il capo della Coralcola dà a Mike uno speciale yo-yo per difendersi, e il robot del dottor Jones Nav-Com permette a Mike di usare il sottomarino di suo zio per cercarlo. Su un’isola vicina, Mike trova una bottiglia con un messaggio del dottor Jones, che afferma di essere stato rapito dagli extraterrestri. Viaggiando in molte delle isole dei Mari del Sud, Mike incontra mostri, labirinti, personaggi bizzarri e animali intelligenti, tra cui un pappagallo parlante e una madre delfino in cerca di suo figlio, tutti alla ricerca dello zio perduto.

Alla fine, Mike e il sottomarino vengono inghiottiti da una balena. Nella pancia della balena, Mike incontra l’assistente di suo zio, che conferma che il dottor Jones è stato rapito dagli alieni e, per paura, non ha dato a Mike tutto l’aiuto possibile quando si sono incontrati in precedenza sull’isola C. Dopo essere sfuggiti alla balena, l’assistente fornisce a Mike un codice speciale, che consente a Nav-Com di rintracciare la posizione del dottor Jones. Mike segue il segnale delle rovine perdute che include il relitto sciolto di una capsula di salvataggio aliena. Poco dopo, Mike trova suo zio. Il dottor Jones spiega di aver scoperto la capsula di salvataggio qualche tempo fa e dice che proveniva da un pianeta lontano chiamato Argonia. Questa capsula di salvataggio conteneva tre cubi magici, che ora sono nelle mani del leader del malvagio alieno Zoda.

Infiltrandosi nella loro navicella spaziale, Mike recupera i tre cubi e affronta Zoda. Mike sconfigge Zoda e poi scappa mentre l’astronave si autodistrugge. Dopo che Mike torna a C-Island, i cubi vengono messi insieme e appare un piccolo gruppo di bambini. Il leader dei bambini, Mica, spiega che sono l’ultimo degli Argoniani (il loro pianeta natale è stato distrutto) e che suo padre, re Hirocon, li ha mandati sulla Terra per vivere in pace. Il capovillaggio invita i bambini a vivere con loro a Coralcola, alla quale accettano

COMANDI

Durante le fasi di viaggio

Durante le fasi d’esplorazione è possibile parlare con gli abitanti dell’isola ed utilizzare il sottomarino .Non è possibile usare armi od oggetti .

 

Durante le battaglie

Quando esplori un tunnel, una caverna potrai incontrare dei nemici.Mettendo in pausa e’ possibile selezionare l’arma od utilizzare gli oggetti magici e non. I combattimenti sono in tempo reale con vista 2d dall’alto.

 

GAMEPLAY

StarTropics si gioca da una prospettiva 2D dall’alto verso il basso, simile a molti altri giochi di ruolo di quell’epoca. Il gioco è diviso in diversi capitoli; in ognuno di esso, i giocatori prendono il controllo del protagonista, “Mike”, esplorando vari insediamenti e altre aree di interesse e interagendo con personaggi non giocanti per ottenere maggiori informazioni sull’ambiente circostante. Il giocatore ha quindi solitamente il compito di localizzare la fonte di qualche calamità o disturbo locale. Quando il giocatore entra in un luogo più pericoloso , il gioco cambia meccanica, avvicinando la visuale e introducendo vari ostacoli e avversari che il giocatore deve superare o distruggere. 

L’arma inizialmente a disposizione di Mike è uno yo-yo (chiamato “Island yo-yo” nella versione NES, e “Island Star” in quella Virtual Console), dal corto raggio. Avanzando nella storia raggio e potenza dell’arma possono essere aumentati potenziando l’arma in una più potente, come “Shooting Star” o “Supernova”. Comunque, questi potenziamenti richiedono la salute massima di Mike ad un certo livello; se non viene raggiunto, l’arma degradeà, diventando più debole. Nel corso del gioco può raccogliere altre armi, alcune in tema baseball, e degli oggetti magici: “wonder horsehides” (palle da baseball), “spikes” (tacchetti), “fire” (torce), “twisters” (bolas), shuriken, fionde, “miracle mirrors”, una pistola ed un fucile d’assalto (entrambi laser) e molte altre. Inoltre Mike può raccogliere oggetti dagli svariati usi, tra cui una lanterna per illuminare le aree buie, un pupazzo di neve per congelare i nemici, l’Asta della Vista per far apparire i fantasmi, un cronometro magico per rallentare (e talvolta bloccare) i nemici e una cavigliera magica che lo farà saltare il doppio.

La salute di Mike è indicata in cuori, che inizialmente sono 3, ma possono aumentare fino a 22. Ad inizio gioco si hanno tre vite, che possono essere aumentate trovando un oggetto particolare. Alla fine di un dungeon, Mike di solito deve affrontare un boss, che a volte richiede un’unica strategia. Il gioco ha anche un sistema di punti che, a differenza di molti altri giochi simili, fornisce una penalità per ogni nemico sconfitto.

Per la maggior parte del gioco, Mike esplora l’isola C e le aree tropicali circostanti, finché non scopre la verità nascosta: lo zio Steve è stato catturato dagli alieni e solo infiltrandosi nella loro astronave può salvarlo. L’area dell’overworld è abbastanza aperta, anche se prende in prestito da Dragon Warrior con le aree segrete da scoprire, spesso rivelando passaggi e oggetti nascosti come Heart Containers. Ci sono alcuni enigmi qui, tra cui un labirinto piuttosto fastidioso, un puzzle musicale e, con frustrazione di tutti coloro che non hanno il gioco in scatola e completato, un puzzle abbastanza innovativo che richiede al giocatore di immergere una lettera ricevuta con il manuale di istruzioni in acqua, per rivelare una frequenza nascosta necessaria per completare il gioco. (È il 747.) La maggior parte della storia è piuttosto lineare, ma ci sono abbastanza sequenze divertenti per mantenerla interessante, come doversi trascinare per infiltrarsi nel castello di Shecola. C’è anche una strana gag  sul fatto che le banane si incastrino nelle orecchie.  L’arma principale è uno Yo-Yo (un po’ come Mikey Walsh in Goonies II) che in seguito si trasforma in una Morning Star e una Super Nova, ciascuna con potenza e portata estesi. I potenziamenti dipendono dai progressi nel gioco, così come dal numero di cuori che Mike ha attualmente (se scende al di sotto del numero richiesto, l’arma viene declassata). Mike può anche usare altre armi diverse, che vanno da bolas, pupazzi di neve che congelano le stanze, palle da baseball e persino laser, sebbene ognuna di esse abbia un numero limitato di usi. Sono inoltre necessari cristalli speciali che rivelano i nemici nascosti e lampade per illuminare le stanze buie. Lungo il percorso si trova anche la medicina, che ripristina cinque cuori. I nemici sconfitti occasionalmente lasciano cadere cuori e stelle (cinque stelle riempiono un cuore).

Sebbene i dungeon siano disposti in modo lineare, a volte sono piuttosto grandi e spesso pieni di stanze nascoste, false uscite, trappole e interruttori speciali. Gli interruttori si trovano saltando su una serie di blocchi: una volta per far apparire l’interruttore, poi di nuovo per attivarlo. Questi fanno cose come aprire porte, materializzare oggetti e far cadere i boss nel loro destino alla Koopa di Super Mario Bros. Sfortunatamente, i controlli sono un po’ imbarazzanti, il che tende a dissuadere le persone da StarTropics. Il movimento funziona su un sistema a griglia, non è possibile spostare solo pochi pixel e Mike deve sempre spostarsi su un intero quadrato. Inoltre, per poter camminare in una direzione, deve essere tenuto premuto per una frazione di secondo prima che Mike si muova effettivamente. A meno che non sia vicino all’acqua, può saltare solo verso l’alto e l’unico modo per spostarsi da una tessera all’altra è saltare, cosa che può richiedere molto tempo se ci sono molte tessere nella stanza. Anche rispetto all’originale Legend of Zelda del 1986, il movimento sembra restrittivo e può diventare frustrante quando le stanze sono piene di nemici. 

Il gioco inizia facile, ma intorno al terzo capitolo la difficoltà aumenta, diventando davvero difficile nei capitoli cinque e sei, e talvolta proibitiva nei capitoli sette e otto. La maggior parte dei nemici e degli attacchi ferisce solo un po’ Mike, ma entrare in contatto con un masso rotolante, un mini-boss o un boss, o cadere nell’acqua o nella lava lo uccide all’istante. Può continuare all’infinito, ma c’è un determinato numero di vite per completare ogni dungeon (che richiede di ricominciare dall’inizio dopo averle perse tutte). Il gioco si salva automaticamente quando si entra o si esce da un dungeon, rendendo la configurazione piuttosto comoda. C’è un sistema di punteggio, basato presumibilmente sul tempo, sulle vite perse e sui nemici distrutti durante il dungeon crawling, ma non ha alcun effetto sul gameplay. Il potenziamento avviene raccogliendo oggetti nell’overworld e raggiungendo punti nella storia

GRAFICA & SONORO

La grafica è decente durante le scene degli inferi, ma nell’oltretomba lasciano un po’ a desiderare. La musica è piuttosto orecchiabile in alcune parti, anche se lo stesso tema principale viene ripetuto costantemente. Sebbene non sia eccezionale come Zelda o Crystals originali, StarTropics era ancora molto diverso da artisti del calibro di Faria o Hydlide, forse anche migliore della versione Master System di Ys I in termini di gameplay; tutto sommato un gioco Nintendo molto ben fatto e solido che è stato messo in ombra e probabilmente dimenticato sin dal suo debutto.

LA LETTERA

Un aspetto unico di StarTropics è una saga che coinvolge un pezzo di carta simil-pergamena abbinato al gioco. Su di essa vi è scritta una lettera del Dr. Jones al nipote Mike, nella quale lo invita a visitare il suo laboratorio a C-Island. In questo modo è come se il giocatore venga indirettamente invitato a giocare. Era piuttosto insolito per un gioco NES fare riferimento a un oggetto fisico ( su amiga o pc i giochi della SSI facevan riferimento spesso al manuale per andare avanti ). Ciò può indurre il lettore a pensare che il Dr. Jones potrebbe far riferimento ad un oggetto all’interno del gioco. Per aggiungere confusione al puzzle, immergere nell’acqua la lettera potrebbe danneggiarla, mentre proprio questa azione rivela un messaggio segreto del Dr. Jones e il numero “747”, che devono essere utilizzati nel gioco al fine di avanzare.

Dal momento che molti negozi di noleggio rivenditori di videogiochi usati spesso non hanno scatole di gioco o manuali, è difficile trovare una copia di StarTropics con la lettera originale. 

Come detto , il gioco è stato anche confezionato con una lettera fisica, che ha impostato la storia ed è stata utilizzata all’interno della trama del gioco. Durante il gioco, al giocatore viene chiesto di immergere questa lettera fisica nell’acqua per rivelare un codice nascosto (747), necessario per progredire nel gioco. In risposta alle domande dei fan, il codice è stato pubblicato anche su Nintendo Power . Nella versione Wii Virtual Console, la lettera è stata aggiunta al manuale, che riproduce invece un’animazione della lettera che viene immersa nell’acqua prima di rivelare il codice. La versione Wii U Virtual Console lo ha sostituito con una spiegazione nel manuale secondo cui la versione originale richiedeva ai giocatori di immergere una lettera di inserimento nell’acqua, seguita da un’immagine della lettera sommersa. comunque, La versione di Nintendo Switch non include alcuna alternativa digitale alla lettera e quindi non fornisce alcun modo legittimo per un giocatore di completare il gioco 

PERSONAGGI

Mike Jones

L’adolescente protagonista del gioco. Originario di Seattle, è un asso del baseball. È disposto a fare di tutto per scoprire cosa è successo a suo zio e aiutare altre persone lungo la strada.

Island Chief

Non assomiglia affatto a Mario, vero? Guida la popolazione di Coralcola sull’isola C ed è un buon amico dello zio di Mike

Shaman

Lo sciamano della Coralcola è la sorella del capo. Fondamentalmente è lì per far rivivere Mike quando finisce le vite

.

Uncle Steve

Descritto come simile al padre di Mike . Finì per scoprire qualcosa di straordinario sotto le isole, attirando un problema molto serio. Il suo assistente Baboo si presenta occasionalmente per offrire informazioni.

Nav-Com

Il computer che guida il Sub-C con cui Mike fa molte esplorazioni. Un bel omaggio a R.O.B. il robot degli albori del NES

.

Zoda

Il “primo invasore”. Questo alieno cattivo è responsabile del rapimento dello zio di Mike. Mike ha bisogno di lavorare sodo per fermare lui e i suoi progetti malvagi.

NEMICI

Durante l’esplorazione di tunne e caverne incontrerete diversi nemici che vi daran filo da torcere

.

ARMI

Disporrete di diverse armi sia normali che speciali

 

OGGETTI MAGICI

Durante il gioco potrete raccogliere degli oggetti magici che vi permetteranno d’ottenere vari benefici

 

CURIOSITA

  • Il gioco compare sulla copertina di  Nintendo Power V21
  • Nella riedizione della Virtual Console, il nome dello Yo-Yo, che per motivi di copyright è stato cambiato in Star

  • Mike che è stato inghiottito dalla balena durante il rafting, cosa che è successa anche a Baboo, potrebbe essere stato ispirato dalla storia biblica di Giona, che fu inghiottito da un pesce gigante.

  • Quando Baboo e Mike scappano dalla balena facendola starnutire dando fuoco alla zattera, questo potrebbe essere un omaggio al film Disney Pinocchio del 1941, in cui i personaggi scappano da Monstro la balena allo stesso modo.

  • Il gioco era noto per avere un enigma difficile nel quarto capitolo, in cui NAVCOM ordina a Mike di immergere una lettera nell’acqua per ottenere il codice di immersione. Molti giocatori sono rimasti bloccati perché pensavano che fosse un oggetto di gioco, quando faceva parte del manuale di istruzioni. Molte copie di Startropics erano state acquistate da negozi di seconda mano o erano state noleggiate e di solito non includevano il manuale di istruzioni. Il manuale di istruzioni aveva una pagina che era una lettera a Mike da suo zio, e una volta immerso nell’acqua avrebbe rivelato il codice dell’immersione. Un altro problema è che l’acqua ha anche danneggiato l’integrità della carta, e gli usi futuri erano difficili da trovare. I consulenti di gioco di Nintendo hanno affermato che quella parte del gioco è stata quella su cui hanno ricevuto più domande, al punto che Nintendo Power ha rivelato cosa era necessario fare in un numero poco dopo l’uscita del gioco. Il codice era 747, che era un omaggio a un’altra compagnia con sede a Seattle, Boeing. Al momento del debutto di Startropics, il 747 era il più grande aereo commerciale prodotto da Boeing.

TRUCCHI

Mike, tarando il rilevatore di NAV-COM sul razzo segnalatore della scarpa del Dr. Jones, rintraccia lo zio in alcune rovine sommerse, nei pressi del relitto di una capsula di salvataggio aliena. Il dottore spiega al nipote che la capsula appartiene agli Argoniani, razza aliena sterminata a sua volta dagli alieni che lo hanno rapito. StarTropics è un’avventura con visuale dall’alto: il videogioco è suddiviso in capitoli, ognuno dei quali inizia in una città diversa. Mike deve interagire con i personaggi non giocanti al fine di ottenere informazioni ed esplorare una vasta area sotterranea. Abbinato al gioco c’era un pezzo di carta simil-pergamena, una sorta di reliquia che potrebbe fruttarvi anche un discreto gruzzolo, essendo parecchio ambita dai collezionisti.

FREQUENZA PER LA RADIO
Se non siete in possesso del manuale di gioco, sappiate che la frequenza per la radio Sub-C è 747 MHz.

SOLUZIONE DEL REBUS DELL’ORGANO
Se siete non udenti, vi sveliamo la soluzione del rebus dell’organo di Captain Bell. Saltate sui seguenti tasti (numerati da destra a sinistra):
1, 3, 5, 4, 1, 3.

PASSWORD
Quando arrivate alla fine del livello 4, dove il robot vi chiede una password, immettete 747.

VITA MASSIMA
Il grande cuore collocato prima del tunnel Big Rock apparirà ogni qualvolta dovrete continuare, per cui se continuate a morire e continuare il gioco, potrete ottenere ogni volta un cuore extra.

Potete trovare una guida esauriente su GAMEFAQS <-Click

STARTROPICS VS ZELDA

Ci sono molte somiglianze visive che il gioco ha con la serie Zelda Mike ha contenitori di cuori che rappresentano la sua barra della vita, ha bisogno di farsi strada attraverso più caverne e alla fine deve trovare tre oggetti mistici (cubi invece di triforze triangolari). Ma il sistema di battaglia basato sulla griglia si discosta rapidamente da Zelda con difficili battaglie con i boss, personaggi interessanti e puzzle saltellanti che lo portano alle stelle.

Questo è uno dei pochi giochi per NES che ha un finale che vale la pena. C’è un enorme zoom indietro della telecamera, a partire dal villaggio, l’isola, il pianeta e infine fino alla galassia. Le immagini flashback delle scene principali del gioco giocano contro i crediti di alcune musiche accattivanti. Sembrava di guardare vecchie foto di un viaggio familiare.

CAMEO

Ci sono diversi riferimenti ai videogiochi Nintendo del passato in StarTropics. ROB, l’accessorio fornito in bundle con il NES all’inizio della vita del sistema, appare nel gioco come un robot soprannominato Nav-Com. I nemici Octots in StarTropics assomigliano molto ai nemici Octots di The Legend of Zelda. La Triforce dello stesso gioco è incollata sul tappeto su cui si trova lo chef. Infine, la fama di Nester della Nintendo Power viene brevemente menzionata se Mike Jones rifiuta di ricevere aiuto per avanzare, il personaggio chiederà “Ti chiami Nester?

ACCOGLIENZA

Christopher Michael Baker di AllGame ha trovato il gioco come un derivato di The Legend of Zelda , ma comunque “un gioco davvero eccellente”. [Michael Baker ha commentato la grafica, notando che i personaggi e le sequenze d’azione “sembrano fantastici” mentre le scene di viaggio erano “un po’ noiose”. Lucas M. Thomas di IGN ha elogiato il gameplay creativo di StarTropics , definendolo “la naturale evoluzione dell’originale Legend of Zelda “.

StarTropics ha ricevuto critiche positive, fin dalla sua pubblicazione. IGN ne ha particolarmente acclamato il gameplay, definendolo «la naturale evoluzione dell’originale Legend of Zelda».

Nel numero di settembre 1997, Nintendo Power ha fatto votare 12 membri dello staff in una lista per i primi 100 giochi di tutti i tempi. La rivista ha posizionato StarTropics al 64° posto nella loro lista.

CONCLUSIONE

STARTROPICS è un alternativa a zelda, un buon mix d’azione e Jrpg alla Zelda, forse un pelo troppo difficile verso la fine.E’ un vero peccato che Nintendo abbia lasciato morire questa saga per altro mai uscita neanche su Snes.

 
PLAYRETRO.IT E’ SU FACEBOOK!!  👾👀

Seguimi se ti va su Facebook! ⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT