PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home Jappomania Cosa fare e cosa non fare a San Valentino in Giappone !

Cosa fare e cosa non fare a San Valentino in Giappone !

di LittlePellizza
A+A-
Reset

Cosa fare e cosa non fare a San Valentino in Giappone !

Suggerimenti Per Affrontare Il Giorno Dell’amore

Concentriamoci su cosa puoi fare per mantenerti felice e con un buon spazio per la testa durante questi momenti difficili d’amore.

San Valentino è un’esperienza completamente diversa in Giappone rispetto all’estero. Per cominciare, il 14 febbraio è un giorno in cui le donne possono confessare i propri sentimenti o regalare cioccolatini e dolci agli uomini della loro vita. Non è tradizionalmente una festa reciproca in alcun modo, anche se negli ultimi anni, gyaku barentin (San Valentino al contrario), in cui gli uomini fanno regali ai loro partner o i regali vengono scambiati tra partner, è diventato una cosa trendy a livello internazionale.

Esistono due categorie principali di regali offerti per San Valentino. In breve, i cioccolatini honmei sono dei veri e propri dolcetti del tipo “Sono interessato a te”, mentre i cioccolatini giri sono quelli dati senza obbligo. In aumento anche una terza categoria, i cioccolatini tomo regalati tra amici. 

Per molte donne, giapponesi e che vivono in Giappone, il giorno di San Valentino può essere deprimente. Il 14 marzo, il White Day, non è molto meglio per gli uomini ( e’ l’equivalente per gli uomini come festa ) . Per ora basti dire che non sempre la realtà è all’altezza delle aspettative.

Le origini di San Valentino in Giappone non sono ancora del tutto chiare e potrebbero derivare da una misinterpretazione del San Valentino occidentale. Quindi, questo fraintendimento si sarebbe diffuso attraverso la pubblicità fatta dai produttori di cioccolato che vedevano l’opportunità di aumentare i loro profitti. Da allora, questa usanza ha preso piede in Giappone ed è improbabile vederla svanire presto.

Non dare per scontato che tutti festeggeranno San Valentino

San Valentino in Giappone

© Foto di iStock: Sergey Dementyev

Come ogni altra festività, alcune persone festeggiano San Valentino e altre no. In alcune aziende è vietano di festeggiare San Valentino durante l’orario d’ufficio o del tutto. “Fa male al morale” . “È una distrazione e inappropriato imporre idee romantiche in ufficio” 

Indipendentemente da come ti senti durante la giornata, se sei al lavoro, ascolta ciò che detta la cultura dell’ufficio. L’ultima cosa che vuoi è essere disciplinato o licenziato per i cioccolatini.

Regala i cioccolatini di San Valentino a coloro a cui tieni

mani di persone che tengono mangiare pezzi di cioccolato di vario tipo in scatola dorata per san valentino

© Foto di iStock: ninitta

Se il tuo ufficio incoraggia o consente alle persone di festeggiare San Valentino, allora festeggialo assolutamente. Le opzioni sono infinite in Giappone in questo periodo dell’anno. “ Plaza e Loft sono  due negozi molto gettonati  in questo periodo dell’anno. Ci sono così tante caramelle tra cui scegliere!”

Puoi regalare cose speciali ai tuoi amici e/o alla persona per cui ti piace, ma sii ragionevole e giusto in quello che fai. Ad esempio, se lavori in un piccolo ufficio, porta qualcosa per tutti. In uno più grande, magari acquistare all’ingrosso ( Costco , Hands e Loft sono buone opzioni) e mettere una ciotola di snack comuni in un’area comune è l’opzione migliore.

Tuttavia…

Non lasciare fuori le persone

Cosa fare e cosa non fare a San Valentino in Giappone

© Foto di iStock: Edwin Tan

Come molti hanno imparato alle elementari, se non porti dei dolcetti per tutta la classe, non portarne affatto. Questo vale nel caso dei cioccolatini giri. Nessuno vuole sentirsi preso di mira o ignorato, soprattutto se tutti gli altri stanno raccogliendo premi. Insomma se porto qualcosa alla Valo devo portare per tutte :°°°°

Crea qualcosa di speciale per il tuo partner/cotta

San Valentino in Giappone

© Foto di iStock: Vasil Dimitrov

Se hai una relazione, ha senso regalare al tuo partner qualcosa di speciale per San Valentino. Ancora di più se è fatto in casa e qualcosa che soddisfa i loro gusti, poiché è considerato una parte fondamentale del giorno di San Valentino in Giappone.

Se sei single ma vuoi dire a qualcuno come ti senti, allora San Valentino è il giorno giusto per farlo, entro limiti ragionevoli.

Le donne preparano cioccolatini o altri dolci per l’oggetto del loro affetto, così come per le altre persone importanti della loro vita.

Alcuni, come i giri choco ( 義理チョコ ) cioccolatini obbligatori, il termine per i cioccolatini dati per obbligo ad altri sono solitamente acquistati in negozio e, sebbene siano piuttosto carini, non sono qualcosa di cui entusiasmarsi molto. Molte donne li regalano ai colleghi maschi, ai capi e persino ai padri e ai fratelli.

D’altra parte, gli honmei choco (本命チョコ ) , cioccolatini del vero amore), vengono regalati solo alla persona che ti piace, al fidanzato, al marito o a qualcuno a cui vuoi confessare il tuo amore. Questi tendono ad essere fatti in casa, ma possono anche essere acquistati presso negozi di cioccolato di lusso, grandi magazzini di fascia alta o addirittura importati.

Infine i  tomo-choko (友チョコ), che letteralmente sarebbe “cioccolata dell’amico”: un regalo più sincero, regalato agli amici a cui si vuole bene davvero, anche tra ragazze;

Forse ti starai chiedendo: cosa fanno in cambio gli uomini? Bene, dovrai aspettare fino al mese prossimo per vedere un ritorno, in particolare il 14 marzo, o White Day. Può essere un’attesa snervante se non stai attento.

Non sprecare il tuo conto in banca per una cotta

nuovi eleganti orologi e gemelli classici da uomo in acciaio inossidabile argento

© Foto di iStock: PaulGulea

Non dovresti metterti in difficoltà finanziarie per amore di una cotta o di un interesse romantico. O un partner, del resto. Per quanto riguarda San Valentino in Giappone, diverse donne hanno preso la decisione imprudente di acquistare beni di lusso da regalare a uomini con cui non frequentano, nella speranza di conquistare il loro affetto.

Sfortunatamente, questo non tende a funzionare a loro favore. In un caso, un mio collega maschio si è ritrovato inondato di articoli costosi e ha dovuto portare la questione alle risorse umane perché non la pensava allo stesso modo nei confronti dei donatori. Ciò portò al divieto di San Valentino in quell’ufficio l’anno successivo. Dai un’occhiata a questo link per altre storie maschili su San Valentino .

Non aspettarti un gesto romantico in cambio

Cosa fare e cosa non fare a San Valentino in Giappone

© Foto di iStock: takasuu

Come accennato in precedenza in questo articolo, in Giappone in genere gli uomini non fanno regali nel giorno di San Valentino. Alcuni possono partecipare al tomo choco (i cioccolatini dell’amicizia, menzionati sopra), ma, ancora una volta, dipende dall’individuo.

Tieni presente anche che, solo perché ti piace qualcuno, ciò non significa che sia obbligato a ricambiarti. Non ti devono i loro sentimenti, né devono dire altro che un educato “grazie”, indipendentemente da ciò che fai per loro.

La maggior parte degli uomini accetterà i propri doni e allora sarà solo questione di aspettare. O parleranno in anticipo o aspetteranno fino al White Day per condividere come si sentono. Indipendentemente da quale scelgano, non puoi e non dovresti forzare la questione. Un dono gentile viene dato senza aspettativa di ritorno.

Trattati anche tu

San Valentino in Giappone

© Foto di iStock: damircudic

San Valentino non deve essere una delusione o semplicemente un giorno qualsiasi: anche tu puoi festeggiare te stesso! Non c’è bisogno di negare i sentimenti di solitudine se compaiono, ma non lasciare che rovinino il tuo umore o ti controllino. Ama, rispetta e valorizza te stesso in modo da poter estendere quella cura agli altri e in cambio mostrare loro come vorresti essere trattato.

Se sei single e infelice di esserlo, forse considera San Valentino come un giorno per dimostrare a te stesso cosa vorresti da un partner o da una relazione. È facile crogiolarsi in una vita da single infelice, ma se non hai un buon esempio di ciò che vorresti, è altrettanto probabile che finirai in una relazione infelice.

Puoi comprarti cioccolatini e rose, concederti un viaggio in una spa, in un salone di bellezza, eccetera. Non hai bisogno di qualcun altro che ti faccia sentire speciale o amato. Né a San Valentino né in qualsiasi altro giorno dell’anno. Come disse una volta la filosofa Miley Cyrus: “Posso amarmi meglio di te”.

Altri tipo di cioccolato

Oltre a quelli cita sopra negli ultimi anni son diffusi altri tipi di cioccolata regalata : 

Jiko Choco (自己 チョコ、じこ ちょこ) – Cioccolato per me
Jiko significa “sè stessi”. Ovviamente sono i cioccolatini che si comprano per sè, sia che uno li abbia ricevuti o meno, sia perchè magari si ha davvero voglia di mangiarli.

Gyaku Choco (逆 チョコ、 ぎゃく チョコ) – Cioccolato al contrario
Gyaku è il termine che si usa quando sono gli uomini in giappone a regalare cioccolato alle donne, significa infatti “invertito”. Chiariamo che gli uomini dovrebbero rispondere con un regalo nel giorno “White Day” di cui parliamo sotto, quindi questo è un termine che si applica solo a San Valentino. Questa tendenza è nata ultimamente a causa dell’influenza occidentale dove in questo giorno sono gli uomini a regalare cose alle donne.

Homo Choco (ホモ チョコ、ほも ちょこ) e Yuri Choco (ユリ チョコ、ゆり ちょこ) – Cioccolato regalato da un uomo a un uomo e da donna a donna
Il fatto stesso che esistano questi termini indica come, sebbene con difficoltà e lentezza, il Giappone stia sdoganando l’esistenza di coppie LGBT. Questo tipo di cioccolato è inteso come Honmei e non Giri.

Neta Choco (ネタ チョコ、ねた ちょこ) – cioccolato “simpatico” per parlare di qualcosa 

Il termine Neta significa in Giapponese “argomento”. La quantità di cioccolato e cioccolatini messi in vendita per San Valentino comprende anche delle forme simpatiche o accattivanti o dei sapori/accostamenti inusuali oppure delle versioni “special” a tiratura limitata che qualcuno magari vorrebbe comprare e mangiare insieme a famigliari e amici. Quando li si regala e se ne discute, ecco uscire l’origine del termine “neta”, come argomento di conversazione.

White Day , il giorno del giudizio

Gli uomini che ricevono il cioccolato sono tenuti a ricambiare un mese esatto dopo, il 14 marzo (White-day), con un dolce o del cioccolato che abbia circa 2-3 volte il valore di quello che è stato ricevuto. Ultimamente non si regala cioccolato ma un vero e proprio regalo, che può non consistere specificatamente in dolci.
Se il sentimento è ricambiato la ragazza riceverà una conferma del suo amore oppure un rifiuto abbastanza evidente. Quello che dà da pensare è che si debba “friggere” per un mese prima di sapere la risposta..
Il White day si chiama cosi’ perche’ il “white” sta per il colore bianco dello zucchero dei dolcini che vengono consegnati, mentre un’altra fonte dice che è un colore che ricorda la purezza dell’amore che si celebra in questo giorno, piuttosto di scomodare il rosso della passione.

Curiosità

Da qualche anno alcuni hanno lanciato una campagna per “l’abbandono” del giri-choco, in quanto usanza consumistica. Tra questi anche l’azienda Godiva che produce molto del cioccolato che viene regalato. Effettivamente se ci pensate una donna si trova a dover regalare un sacco di cioccolato mentre moltissime persone lo ricevono anche da più fonti. Qualcuno però sembra suggerire che l’azienda Godiva abbia appoggiato questa campagna a scopo di marketing per promuovere la vendita di Honmei-choco – più costoso – a sfavore del giri-choco – economico ma da comprare in grande quantità – per far risparmiare le persone sul cioccolato di scarsa qualità e farle invece spendere un po’ di più sul molto più lucrativo cioccolato speciale….

Buon San Valentino a tutti!


FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT