Home Delirio GOLDEN AXE : SEQUEL CASALINGHI E SPIN OFF

GOLDEN AXE : SEQUEL CASALINGHI E SPIN OFF

Golden Axe non è solo un arcade a scorrimento!

di LittlePellizza

Golden Axe non e’ solo hack’n’slah

GOLDEN AXE : SEQUEL CASALINGHI E SPIN OFF

Golden axe è sicuramente l’hack’n’slash arcade piu famoso di tutti i tempi. E’ il titolo del suo genere che tutti ricordano pur non essendo il migliore. Un buon mix di grafica, colonna sonora ( epica quella del primo livello), ambientazione, scelta personaggi ed ovviamente giocabilità ne han decretato il successo mondiale;Tanto che i sequel seppur migliori passano in secondo piano. L’ispirazione di i SEGA che mise le basi per lo sviluppo di Golden Axe deriva da un “Facciamo un  Hack’n Slash ispirato e ambientato alle storie di Conan il Barbaro?. Si poteva capire già la portata di un gioco del genere, sopratutto con i mezzi che disponeva SEGA alla fine degli anni 80.

La storia alla base di tutti gli episodi della saga di Golden Axe (ゴールデンアックス Gooruden Akkusu)   è praticamente sempre la stessa ed incentrata sulla potente Golden Axe(La scure dorata). Il cattivone di turno ( il piuì gettonato è DEATH ADDER )se ne impossessa per sfruttarne il potere e soggiogare il mondo (strano). Un piccolo manipolo di “eroi” si mette in cammino per porre fine ai soprusi del maligno di turno, che ha causato dolore e morte ad ognuno di loro.

Ogni episodio ha una trama auto-conclusiva ed esistono solo pochissimi riferimenti tra un episodio e l’altro. Inoltre tra i vari capitoli alcuni protagonisti cambiano completamente abilità senza alcuna apparente spiegazione. C’è da dire che è una cosa comune per quasi tutti i giochi dell’epoca, e le domande che ci facciamo adesso, vi assicuriamo, erano piuttosto rare per l’epoca.

SEQUEL CASALINGHI & SPIN OFF

Oltre agli immancabili sequel arcade Golden Axe II (1991) e Golden Axe: The Revenge of Death Adder (1992), Il gioco ha generato dei sequel casalinghi e degli spin off ( ovvero giochi che riprendonono il nome ma di genere completamente diversi dall’originale)

Partiamo da casa!

Golden Axe 3

Golden Axe III (ゴールデンアックス III Gooruden Akkusu Surī) è un videogioco prodotto dalla SEGA nel 1993  per Megadrive che continua la serie ufficiale. È stato commercializzato solo in Giappone, mentre veniva distribuito per un breve periodo in nord America esclusivamente tramite il Sega Channel.

Il gioco è stato in seguito ridistribuito (così come molti altri titoli per Mega Drive) per PlayStation 2 e PlayStation Portable come parte della Sega Mega Drive Collection. È stato anche ripubblicato per Wii Virtual Console in Giappone nel 2007 e anche nella Sega Mega Drive Ultimate Collection per Xbox 360 e PlayStation 3.

Purtroppo il terzo capitolo della saga non raggiunse mai l’Europa e fu commercializzato solo in Giappone e negli usa tramite il SEGA Channel. Possiamo altresì trovarlo come parte dellaSonic’s Ultimate Genesis Collectionuscito nel 2007 perPS3 e Xbox 360.

Ad ogni modo il gioco, uscito nel 1993, è ambientato molto anni dopo il secondo capitolo:Ax e Tyris sono morti di vecchiaia, è vivo solo il nano Gilius che decide di restituire la Golden Axe agli Dei e scongiurare i problemi del passato. Nel viaggio la sua nave naufraga e Gilius perda l’ascia, la ritrova il Principe delle Tenebre Damud Hellbringer, che vuole sfruttarne il potere per i suoi fini. Al nano non resta altro che radunare un quartetto di eroi per recupera la scure.

Golden Axe III sembra per alcuni versi essere tornato sullo stile del primo titolo: al posto dei maghetti sono tornati i ladruncoli nani, al posto dei libri di magia sono tornate le ampolle di pozione magica ed è stata eliminata la possibilità di scegliere il livello di magia che si vuole utilizzare tra quelli disponibili. Anzi i livelli di magia ora sono 3 per ciascun giocatore, levando le differenziazioni dei precedenti titoli: ora i personaggi variano solo in funzione della forza, della velocità e dell’agilità.
Sono state aggiunte d’altro canto una serie di nuove mosse eseguibili dal giocatore. Ogni personaggio può infatti parare i colpi normali scagliati dai nemici, ha a disposizione mosse offensive e difensive speciali ed è stato migliorato il sistema di prese effettuabili. Alcuni personaggi hanno poi proprietà uniche. Giocando in due si possono poi effettuare attacchi in squadra.

Lungo il percorso ci si imbatte talvolta in dei prigionieri: liberandone almeno 5 si può guadagnare una vita extra.

Un’altra grossa novità è costituita dalla mappa, ora interattiva. Lungo il percorso il giocatore si troverà davanti a dei bivi in cui occorre scegliere la strada che si intende prendere. Tale scelta determinerà il percorso per arrivare all’ultimo livello, poiché condizionerà il livello successivo e la possibilità di scelta ulteriore (non tutti i livelli infatti presentano dei bivi. Alcuni comportano automaticamente l’avanzamento verso un determinato luogo). Questa novità dona al gioco un maggior grado di rigiocabilità, dando la possibilità al giocatore di sperimentare combinazioni diverse o di esplorare luoghi non ancora visitati nelle precedenti partite (nonostante un’eventuale vittoria finale).

E’ migliorato ancora il gameplay anche se alcuni espedienti sono stati reinseriti.Troviamo le parate e un sistema migliorato di prese, mentre se si gioca in due è possibile effettuare attacchi di squadra. Inoltre è stata inserita una mappa interattiva.

Il gioco è stato sviluppato dal teamSEGA AM7 su piattaforma SEGA Megadrive nel 1993.

Personaggi

Gli eroi selezionabili in questo capitolo sono 4 e sono tutti delle novità rispetto alla serie, sebbene due di questi siano in pratica la riproposizione di due di quelli giocabili precedentemente.

  • Kain Grinder: è un barbaro e assomiglia molto ad Ax Battler a parte i capelli più corti e castani, la cui tribù è stata fatta a pezzi dall’esercito di Damud. È armato di uno spadone a due mani ed è, come il suo predecessore, il personaggio più bilanciato tra quelli selezionabili. Sua è la magia dell’acqua e del ghiaccio.
  • Sarah Burn: l’amazzone chiamata a sostituire Tyris Flare le somiglia enormemente, tranne per i capelli castani, il costume munito di piccolo strascico che le arriva agli stivaletti e soprattutto le origini: è una danzatrice, unica superstite della sua compagnia distrutta da Damud. Armata della scimitarra ereditata dal padre è il personaggio più debole, ma nel contempo più veloce e rapido nei movimenti, oltre che molto agile. Come per la protagonista precedente, possiede la magia del fuoco.
  • Proud Cragger: un primitivo dalla stazza enorme, Proud è il personaggio più lento ma più forte di quelli selezionabili. È stato imprigionato dagli scagnozzi di Damud e liberato da Gilius. Combatte a mani nude e con delle catene spezzate ai polsi, ed è l’unico a poter effettuare un attacco aereo in grado di atterrare gli avversari. Maneggia la magia della terra.
  • Chronos “Evil” Lait: un normale essere umano trasformato dalla magia di Damud in una pantera umanoide dall’agilità e dalla velocità sovraumane. Combatte senza armi, ma sa utilizzare in modo letale gli artigli da pantera che ha all’estremità di mani e piedi. La sua magia è quella dei fenomeni atmosferici (nebbia, nuvole, fulmini).

Altri personaggi sono:

  • Gilius Thunderhead: unico ritorno ufficiale dai precedenti titoli. Gilius, ormai troppo anziano per combattere sul campo i nemici e per di più ferito nel naufragio causato da Damud per rubargli l’ascia, si limita a guidare la nuova generazione di eroi come un vecchio saggio. Al posto della pesante scure bipenne, lo si vede ora brandire un bastone per sorreggersi. Indossa comunque il vecchio elmo vichingo adorno di corna bianche.
  • Il Re: l’ex monarca del regno, detronizzato da Damud Hellbringer, è stato trasformato da quest’ultimo in un essere metà umano metà aquila, dalla forza e rapidità sovraumana e dotato di grandi ali che gli permettono di spiccare il volo, rendendo ancora più pericolosi i suoi attacchi. Sconfiggendolo nella modalità normale riprenderà le sue sembianze originali. Questo personaggio è selezionabile nella modalità Duello assieme agli altri 4.
Golden Axe: Beast Rider

Golden Axe: Beast Rider è un srcade di azione e avventura per Xbox 360 e PlayStation 3 , pubblicato daSega e sviluppato daSecret Level . È la prima voce in 3D della serie Golden Axe . Il gioco è stato rilasciato in Nord America il 14 ottobre 2008, in Europa il 17 ottobre e in Australia il 23 ottobre.

Uscito nel 2008 per Playstation 3 e Xbox 360 è il primo gioco della saga in 3D, sviluppato daSecret Levelpromettente studio americano diSEGA.

Il protagonista principale è Tyris Flare , un grande guerriero amazzone e difensore delle Sacerdotesse Axirian, una setta di adoratori di draghi dell’Isola di Axir. Le abilità di Tyris in combattimento e magia sono quasi insuperabili, ma c’è un pericolo in aumento su Axir che anche lei deve temere. Gli eserciti di Death Adder sono in movimento. Stanno cercando il potere dell’antico Dragon Titan. Si dice che anche Death Adder abbia paura dei Titani, anche se nessuno sa davvero quale potere abbiano su questo signore oscuro. Se ottiene il controllo dell’uomo, della donna e della bestia allo stesso modo, non si sa cosa ne sarà del mondo. Tyris usa la spada e la stregoneria per fermarlo.

Beast Rider è il primo gioco Golden Axe in 3D al contrario di hack and slash a scorrimento laterale. Sebbene questo sia un importante cambiamento nello stile di gioco rispetto ai giochi precedenti, Beast Rider mantiene molti degli elementi degli originali come la magia e le bestie da cavalcare, oltre a mandare il giocatore in una missione per sconfiggere Death Adder.

Il gameplay è diviso in tre tipi: Campagna, Sfida e Prove. Ogni modalità consente la raccolta di tributi, che vengono utilizzati per aumentare la forza magica e sbloccare le armi. L’armatura si sblocca man mano che si avanza nella storia o nella campagna.

Nella modalità storia di Beast Rider il giocatore controlla Tyris Flare , un’amazzone dei giochi originali. Attraverso la modalità storia, il giocatore viene presentato a due personaggi non giocanti Gilius Thunderhead il nano e Tarik the Ax Battler. Il tributo viene assegnato alla fine di ogni livello in base all’importo raccolto moltiplicato per le prestazioni dei giocatori durante il livello, che influisce anche sulla Classe dei giocatori o “grado” per livello. Tali moltiplicatori includono tempo, danni subiti, smembramenti e impostazioni di difficoltà.

La modalità Sfida funziona come Campagna, inclusi tributo e classe alla fine di ogni livello. Tuttavia, Challenge consente al giocatore di rigiocare qualsiasi livello precedentemente completato in Campagna, oltre a poter utilizzare qualsiasi armatura precedentemente sbloccata, nonché qualsiasi arma sbloccata tramite la raccolta di tributi.

La modalità Trials è l’equivalente della modalità “Duello” dell’originale, in cui il giocatore combatte i nemici del livello selezionato in un’arena di quel livello. Ogni livello diventa disponibile nelle Prove dopo essere stato completato nella campagna. Il giocatore deve completare dieci ondate di nemici, più tre ondate bonus con gnomi, senza morire. Come le Sfide, le Prove consentono al giocatore di selezionare varie armature e armi sbloccate in Campagna o tramite la raccolta di tributi.

Il gioco è una specie di reboot della serie dove l’unica protagonista è Tyris Flare, mentre incontreremo personaggi come Gilius e Ax. Non ebbe molto successo e la critica lo stroncò per gli evidenti limiti tecnici e il gameplay ostico.

 

Spin-off e derivati

 

Nel corso degli anni, parallelamente ai titoli originali,sono usciti una serie di giochi ambientati nell’universo di Golden axema che sono di genere del tutto differente.


Golden Axe Warrior

Golden Axe Warrior è un videogioco di ruolo del 1991 sviluppato e pubblicato da SEGA per Sega Master SystemSpin-off della serie Golden Axe, il gioco è incluso nella raccolta Sega Mega Drive Ultimate Collection.

Il gioco segue un giovane guerriero che cerca di vendicare la morte dei suoi genitori esplorando dieci labirinti, raccogliendo nove cristalli mancanti e combattendo con il malvagio tiranno Death Adder. I giocatori devono attraversare un vasto mondo, combattere nemici, cercare misteriosi labirinti, combattere boss e ottenere i cristalli custoditi da molti mostri. Tutti i personaggi giocabili dell’originaleGolden Axe fanno apparizioni cameo. 

Il giocoè stato paragonato a titoli per NES The Legend of Zelda e Willow , nonché con i titoli Master System Ys I: Ancient Ys Vanished e Lord of the Sword . Golden Axe Warrior ha ricevuto un’accoglienza da positiva a mista al momento del rilascio. Ha ricevuto recensioni positive da riviste americane, francesi e tedesche, ma è stato criticato dalle riviste britanniche per aver poco a che fare con l’originale arcade.

 

Il gigante malvagio, Death Adder, ha invaso i paesi di Firewood, Nendoria e Altorulia e ha ucciso le famiglie reali. Un giovane eroe di Firewood parte per una missione per distruggere il gigante. Per contrastare la magia malvagia di Adder ha bisogno di trovare i nove cristalli della famiglia reale da Firewood. Questi cristalli hanno scongiurato Death Adder fino a quando il re non è stato tradito da un ministro che ha venduto i cristalli a Adder. Death Adder ha nascosto i cristalli in nove labirinti. Durante la sua ricerca, l’eroe visita numerosi villaggi e scopre numerose persone che si nascondono da Death Adder. Può imparare le magie del Tuono, della Terra, del Fuoco e dell’Acqua. Viene a sapere che la principessa di Firewood è ancora viva e che è il figlio del re di Altorulia. Dopo aver trovato tutti e nove i cristalli, l’eroe è in grado di entrare nel decimo e ultimo labirinto dove deve trovare la mitica Golden Axe, l’unica arma in grado di danneggiare Death Adder, prima di affrontare il gigante stesso.

I giocatori prendono il controllo dell’eroe del gioco, che può essere nominato all’inizio di una nuova missione. Il gioco presenta un vasto overworld con oltre 200 schermate uniche e molti nemici. I giocatori devono recuperare ciascuno dei nove cristalli del gioco individuando labirinti nascosti. Ogni labirinto è custodito da mostri e pieno di enigmi che devono essere risolti per poter raggiungere il boss e recuperare il cristallo. Durante il gioco, i giocatori raccolgono vari oggetti e abilità che consentono l’accesso ad aree precedentemente irraggiungibili. Il decimo labirinto è accessibile solo dopo aver raccolto i nove cristalli. I giocatori devono quindi trovare l’ascia d’oro e usarla per sconfiggere Death Adder.

È possibile potenziare armi e armature e apprendere diverse abilità magiche. L’uso della magia richiede l’uso di pentole che si esauriscono dopo ogni utilizzo. La valuta del gioco sono le corna raccolte dai nemici; questi corni possono essere spesi nelle città durante il gioco. Le aree nascoste possono essere scoperte abbattendo gli alberi con un’ascia o rimuovendo le rocce usando la magia della Terra.

 La trama è piuttosto scontata, bisogna sconfiggere il malvagio Death Adder raccogliendo 9 cristalli e l’ascia dorata, oggetti sparsi nei dungeon del gioco.

La grafica è carina, tondeggiante, molto colorata e dettagliata. Gli effetti sonori svolgono il loro dovere e le varie “musichette” offrono un buon accompagnamento durante il peregrinare per la curata mappa principale ed i dungeon ben strutturati.

Anche grazie ad un comparto tecnico più moderno il gioco riesce a rivaleggiare il classico Nintendo (imitandolo in più di un’occasione), il che non è assolutamente poco

Golden Axe Warrior ha ricevuto un’accoglienza da positiva a mista al momento del rilascio. La rivista americana GamePro ha ottenuto un punteggio di 5 su 5, confrontandolo con i titoli per NES Legend of Zelda e Willow , concludendo che Golden Axe Warrior è “un grande gioco”. Ha anche ricevuto recensioni positive dalle riviste francesi Joystick e Player One , ciascuna con un punteggio dell’88%, e dalla rivista tedesca Video Games , che ha ottenuto un punteggio dell’81%. Tuttavia, ha ricevuto recensioni contrastanti da riviste britanniche, che hanno sottolineato che il gioco era molto diverso dall’originale Golden Axe, incluso uno in Sega Pro , che ha valutato Golden Axe Warrior un 67%; Computer e videogiochi hanno anche sottolineato la differenza, definendolo un “gioco di ruolo incredibilmente noioso”.I revisori di Mean Machines lo hanno definito “noioso” e “noioso”, raccomandando invece Ys e Lord of the Sword . 

IGN ha menzionato il gioco nel suo articolo “A History of Gaming’s Most Shameless Rip-Offs”, definendolo una fregatura di The Legend of Zelda . Hanno notato somiglianze nei nemici e nel design delle mappe e hanno definito la colonna sonora “stranamente simile” a Zelda ma senza alcuna personalità.


 

Ax Battler:A legend of Golden Axe

Ax Battler: A Legend of Golden Axe  è unospin-off di videogiochi d’azione e avventura della popolare serie Golden Axe . Il gioco è stato rilasciato su Sega Game Gear nel 1991.

Molto, molto tempo fa, gli dei fecero un dono ai mortali. Questo dono era l’ ascia d’oro “.

Le leggende dicono che il mondo si inchinerà a chiunque prenda in mano l’ascia.

Innumerevoli battaglie ebbero luogo tra i mortali per impossessarsi dell’ascia.

Alla fine il re divenne pieno di dolore e nascose l’ascia nel profondo del suo castello dove nessuno poteva trovarla. La pace è tornata ancora una volta nel mondo.

Dopo che erano trascorsi molti anni e il nome dell’ascia era stato dimenticato, un esercito di guerrieri malvagi ha distrutto il castello e ha rubato l’ascia d’oro.

Il re amante della pace invitò un giovane guerriero a riprendere l’ascia. In tal modo, ha affidato il destino del mondo al guerriero.

Guidato dall’amore e dal coraggio, il guerriero iniziò il suo viaggio solitario.

Il suo nome era… Ax Battler .

Il protagonista è Ax Battler, il personaggio barbaro maschio del gioco originale Golden Axe . Il cattivo principale della serie, Death Adder, sta assediando il mondo intero. Ruba la Goledn Axe , un’arma magica che conferisce a chi la impugna un potere inimmaginabile, dal suo nascondiglio nel castello di Firewood. Per impedire a Death Adder di usare i suoi poteri per distruggere il mondo, il re di Firewood Castle invoca l’aiuto del suo guerriero più forte: Ax Battler. Durante il suo viaggio, Ax Battler deve combattere attraverso i seguenti “punti di riferimento speciali”: The Spooky Cave, Peninsula Tower, Turtle’s Back, Death Pyramid, Evil Cave, Maze Wood, Gayn Mountain, Eagle’s Back, Ice Cliffs e Death Adder’s Castle.

 

A differenza dell’originale picchiaduro a scorrimento laterale Golden Axe, Axe Battler è diviso in tre diverse sezioni di gioco:

  • Wolrd Map : Questa modalità mostra i movimenti del giocatore in un overworld con vista dall’alto mentre si muove attraverso la natura selvaggia. I nemici attaccano casualmente, spingendo il gioco a passare alla schermata d’azione sottostante.
  • City Map :  simile nell’aspetto alle scene della mappa, tranne per il fatto che questa modalità mostra le azioni del giocatore in una città. La differenza fondamentale è la capacità di parlare con gli NPC e visitare i negozi.
  • Arcade Action :  il gioco passa alla schermata d’azione quando il giocatore incontra un nemico o entra in uno dei punti di riferimento speciali. Questo è un ambiente picchiaduro/piattaforma a scorrimento laterale.

Ax Battler può raccogliere vasi magici, che possono essere usati per i suoi attacchi magici o come valuta nelle città. Può anche imparare nuovi attacchi nelle Case di addestramento.

Le password possono essere raccolte dalle città per fungere da sistema di “salvataggio”.

Il gioco inizia come un tipico gioco di avventura ispirato a Zelda. Viaggia attraverso una mappa abbastanza lineare in cui ti fai strada attraverso caverne e montagne per ottenere oggetti di ricerca. Ogni parte della mappa del mondo è piuttosto piccola, con una sola grotta da esplorare per trovare un oggetto che aiuti la città vicina che avanza nella trama. Lungo la strada, sperimenterai battaglie casuali, simili a Zelda II che si svolge in una piccola fase a scorrimento laterale.

 

 

Man mano che avanzi nel gioco, troverai varie sale di allenamento che avanzano nel tuo set di mosse. Queste mosse vengono apprese sconfiggendo un determinato nemico, una volta ottenuto ciò ottieni una mossa extra. Imparerai anche incantesimi simili a quelli del gioco originale Golden Axe. Questi vengono eseguiti usando vasi magici che si ottengono sconfiggendo i nemici sulla mappa del mondo.

Quando ho giocato a questo titolo originariamente, ho adorato queste meccaniche di gioco. All’epoca erano unici per me e mi sono innamorato della trama fantasy e degli incontri casuali carichi di azione. Tuttavia, in un recente playthrough, èemergono di difetti: I nemici utilizzano attacchi abbastanza semplici e hanno schemi di attacco molto specifici che devono essere appresi per sconfiggerli. Se subisci un colpo, vieni buttato fuori dalla battaglia, il che ti fa effettivamente perdere tempo.

 

 

I vasi che raccogli sono usati per attacchi magici molto simili a come funziona il sistema magico nei principali giochi Golden Axe, ma una volta che usi un attacco i tuoi vasi sono esauriti. Se il gioco finisce, perdi anche i tuoi vasi e non c’è modo di guarire a parte una locanda cittadina. L’intero gioco può essere completato in circa un’ora, ma è solo una scrupolosa sessione di tentativi ed errori in cui morirai all’infinito finché non padroneggi gli schemi dei nemici più difficili. L’altra cosa che penalizza Ax Battler è che non ci sono boss. Esatto, nessun capo. La battaglia finale viene gestita semplicemente attraverso una storia testuale su uno schermo nero che afferma come hai sconfitto le forze del male e reclamato l’ascia d’oro.

È un peccato che il gameplay sia così superficiale e pigro perché Axe Battler presenta alcune schermate ben fatte per Game Gear. Lo stesso Ax Battler è ben animato così come i nemici. Tutti i personaggi sono abbastanza grandi e anche le grotte e gli altri luoghi che esplori sono abbastanza dettagliati. Il gioco sfoggia anche una colonna sonora decorosa che sembra davvero appartenere a un titolo Golden Axe. Non ho riconosciuto alcun brano della trilogia dei Genesis, ma tutto ciò che era qui scorre abbastanza bene ed è anche facile da ascoltare nonostante sia musica a 8 bit acuti.

Ax Battler inizia  come t’aspetti, è un gioco di ruolo. Sebbene ci siano alcuni elementi di gioco di ruolo, sei il benvenuto all’azione a scorrimento laterale. Proprio come in Golden Axe per Genesis, puoi usare la magia per aiutarti lungo la strada. Il gioco è un discreto assassino del tempo e anche la grafica non è male per metà.

Ax Battler ha alcuni aspetti a cui ci vorrà per abituarsi. Il gioco potrebbe avere un picco di frustrazione negli incontri di battaglia in modo casuale. C’è una storia, ma che ha a malapena una profondità (era comune molto per i giochi a quel tempo). Il nome del personaggio principale è Axe Battler, dico sul serio. Il gioco può diventare frustrante con la sua difficoltà, principalmente perchè entri nel giocoalla cieca. Passerai attraverso quelli che sembrano lunghi periodi senza aumenti di salute o potenziamenti. Scoprirai alcune aree che dovrai solo sperare di capire.

Ax Battler ha quello che sembra essere un grande mondo. Le battaglie inizieranno nel classico stile dei giochi di ruolo, il tuo personaggio si bloccherà e la scena cambierà in una visuale a scorrimento laterale con un nemico da sfidare. Sarebbe corretto affermare che il gioco è molto simile a Zelda II. Se desideri una sfida, potresti essere un fan di Golden Axe o cercare un gioco decente sul tuo Game Gear, allora Ax Battler the Legend of Golden Axe fa per te.

Il gioco è noto per le sue somiglianze con Zelda II: Adventure of Link . Zero ha scritto che Axe Battler ha ampliato con successo la premessa dei giochi originali e lo ha definito un “vincitore infallibile”, valutandolo con un 87%. Tuttavia, Mean Machines ha definito l’aspetto picchiaduro del gioco “estremamente povero” e ha definito la ricerca “noioso e poco stimolante”. Valutando il gioco con un 39%, hanno paragonato giocare ad Ax Battler con saltare da un dirupo, scrivendo “un tentativo è più che sufficiente e non è affatto raccomandato”. 

Golden Axe:The Duel

Golden Axe:The Duel (1994): un picchiaduro a incontri con personaggi tutti nuovi, tranne Death Adder; uscito per SEGA Saturn e sala giochi.

Con l’imminente rilascio del Saturn a 32 bit, i fan di Sega si aspettavano un nuovo  gioco Golden Axe  con una grafica ancora migliore, o almeno un port di  The Revenge of Death Adder . Invece, Sega ha rilasciato  Golden Axe: The Duel , un combattente 2D contro alcuni dei personaggi e dei temi dei precedenti picchiaduro.

La selezione dei personaggi è strana. In realtà non puoi giocare con i protagonisti dei vecchi  giochi Golden Axe  , invece puoi giocare come i loro parenti o uno dei loro discendenti. Ci sono dieci combattenti in tutto. L’eroe è apparentemente Kain Blade, un barbaro standard e un discendente di Stern Blade di  The Revenge of Death Adder . Nel frattempo, Milan Flare è una guerriera, parente di Tyris Flare della prima  Golden Axe . E Gilius Rockhead è un nano armato di ascia che proviene dalla stessa tribù di Gilius Thunderhead dell’originale.

Personaggi

Anche il resto del cast è generalmente piuttosto deludente . Zoma è un inquietante mago dalla pelle verde e Keel è un ladro mago che uccide i passanti quando si avvicinano alla terra in cui vive. Jamm è una ragazza che è stata apparentemente cresciuta nel deserto da uno spirito bestia e attacca con i suoi artigli giganti. Il Green è l’ultimo di una razza che è in parte vegetale e animale e gisembra Blanka di SFII. Panchos è un inventore che sta cercando l’ascia d’oro per ragioni inspiegabili. È un tipico peso massimo e combatte con le bombe, e sembra essere vagamente modellato sui tizi grassi e calvi che ridono del primo  Golden Axe . Infine Doc è un ninja con una katana, che sembra un po’ fuori posto rispetto al resto dei tropi barbarici.

Death Adder

L’aspetto più interessante è la possibilità di giocare come Death Adder. È cattivo ed è tornato come uno dei personaggi migliori, principalmente a causa della lunga gittata della sua ascia. Ha anche uno scudo sputafuoco che si rompe se subisce troppi colpi.

L’azione è abbastanza tipica dei combattenti contro e utilizza una configurazione a sei pulsanti simile a  Street Fighter II . Trattandosi di un combattente basato su armi, si potrebbe paragonarlo a  Samurai Shodown , soprattutto perché utilizza una fotocamera con zoom simile. Ma in realtà è piuttosto veloce, ed è molto più vicino ad essere “ Street Fighter Alpha con le spade”. L’espediente qui è che i ladri corrono periodicamente nell’arena, proprio come i vecchi giochi. Colpire i ladri li farà rilasciare pozioni magiche: una volta che il tuo misuratore magico è al massimo, puoi entrare in una modalità “super”, potenziando la tua forza e permettendoti di eseguire la mossa speciale del tuo personaggio per un periodo di tempo limitato. Contrariamente al loro nome, queste mosse non sono in realtà niente di speciale e pallide rispetto ai fantastici incantesimi di ripulitura dello schermo dei giochi più vecchi. I piccoli nani verdi produrranno anche gambe di carne, che ti cureranno un po’. L’IA del computer per la modalità giocatore singolo è purtroppo piuttosto odiosa, anche con l’impostazione di difficoltà più semplice.

Il chara design  è più brillante rispetto ai giochi precedenti e sembra un incrocio tra  Conan  e anime. Gli sfondi occasionalmente hanno alcuni dettagli interessanti: il palco di Gilius ha nani cantanti, il palco di Panchos ha un robot che sta stirando alcuni vestiti e il palco di Doc ha uno di quei Bizzarri simili a uccelli sullo sfondo. La musica è generalmente piuttosto orribile e completamente dimenticabile, mentre l’annunciatore suona come se Sega avesse assunto lo stesso schifoso doppiatore di  Super Street Fighter II .

Nel complesso, non è un completo disastro, è solo che è stato progettato come  Street Fighter II  o  Power Instinct , quando all’epoca le persone volevano qualcosa di più. Non ha aiutato il fatto che sia completamente generico rispetto ai più forti titoli SNK e Capcom. Inoltre, ha deluso i fan di Golden Axe  , che volevano solo un altro picchiaduro a scorrimento , quindi non è piaciuto a nessuno e ha fallito alla grande. In quanto tale, è spesso considerato il tentativo miope di Sega di incassare la  mania di Street Fighter  usando una proprietà classica.

Dato che la versione arcade girava sull’hardware ST-V, la versione Saturn è, a tutti gli effetti, identica. Ci sono alcuni tempi di caricamento ma ha migliorato la musica, abbastanza tipica delle versioni di Saturn. È stato anche uno dei pochi titoli che ha ricevuto un’uscita nazionale in Nord America prima della morte di Saturn.

Golden Axe Myth

Golden Axe Myth è un fan game italiano basato sulla serie principale  Golden Axe. È un picchiaduro a scorrimento laterale Hack’n’slash come l’originale e funge da prequel della serie. Il gameplay è tipico: vai a destra (a volte puoi trovare aree segrete), affetta i nemici e uccidi i boss. Il giocatore può scegliere tra Axe, Tyris, Gillius e Death Adder. Tutti i personaggi hanno i loro incantesimi magici, come nei giochi originali. Una varietà di bestie cavalcabili può essere utilizzata dai giocatori o da alcuni nemici per guadagnare forza o portata extra. Le aggiunte alla formula della serie includono attacchi e armature che aumentano queste statistiche del 10% (fino a un totale del 100%), denaro e un misuratore di rabbia. C’è anche una modalità di gioco extra, “The Duel”, in cui i giocatori affrontano ondate di nemici.

 Golden Axe Myth riesce subito a catturare il giocatore grazie ad una splendida grafica in stile 16 bit, un livello di difficoltà decisamente ben calibrato, ottimi livelli animati, aree segrete e una successione di stages non lineare con quindi la possibilità di arrivare all’ultimo livello scegliendo percorsi differenti.

E se il bel videogioco non fosse sufficiente per catturare la vostra attenzione ecco che avremo a disposizione per il download anche un curatissimo manuale in formato pdf, uno splendido art-book con 44 pagine a colori curato da Oscar Celestini e Rosita Amici (illustrator, comic artist e graphic designer) e, ciliegina sulla torta, tutte le 32 musiche presenti nel gioco eseguite e arrangiate da Gianluca Pappalardo e Oscar Celestini con tanto di cover fronte/retro per  poter masterizzare un intero CD audio dedicato a Golden Axe !

MENZIONE D’ONORE
Electronic Golden Axe

Golden Axe è il gioco elettronico realizzato da Tiger Electronics nel 1989. Il crudele Vipera Mortale ha rubato la magica ascia d’oro dalla città di Yuria. Scopo del passatempo è di eliminare i malviventi e recuperare il prezioso manufatto. La missione è affidata a Tarik, valoroso guerriero. I nemici da fronteggiare si dividono in quattro gruppi:  Hennger, Soldato Scheletro, Zuburoka e Lungogemito. Durante il tragitto è possibile raccogliere le ampolle magiche e cavalcare possenti draghi. Golden Axe si articola in cinque missioni: la foresta; verso l’isola delle tartarughe; partenza dall’isola delle tartarughe; verso l’isola delle aquile; discesa verso il balcone del tempo. Al termine di ogni livello, entra in scena il boss.


PLAYRETRO.IT E’ SU FACEBOOK!!  👾👀

Seguimi se ti va su Facebook! ⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝


 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT