PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home Review
ALISA DEVELOPER’S CUT – RECENSIONE

 ( 2021/3 Casper Croes) - ( Pc STEAM/GOG  - PS4/PS5 - NINTENDO SWITCH )

ALISA DEVELOPER’S CUT – RECENSIONE

 ( 2021/3 Casper Croes) - ( Pc STEAM/GOG  - PS4/PS5 - NINTENDO SWITCH )

di LittlePellizza
A+A-
Reset

ALISA DEVELOPER’S CUT 

– Recensione –

 ( 2021/3 Casper Croes) – ( Pc Steam/Gog –  PS4/PS5 – Nintendo Switch )

INFO

Alisa è un gioco azione-avventura con un tema horror, ispirato dai giochi degli anni 90, ambientato in un universo Fantasy nel 1920. Incarnerete un agente delle forze reali chiamata Alisa. Mentre la nostra eroina dà la caccia ad un criminale ricercato, finisce impriggionata dentro un enorme maniero vittoriano. Tenterà di trovare una via di uscita mentre delle strane bambole umanoidi e meccanizzate la perseguiteranno.
Riuscirete a sopravvivere alla casa delle bambole ?

Uscito nel 2021 su Pc è recentemente uscita la versione DEVELOPPER’S CUT PER PS5 & SWITCH ed update PC

 

Header 1 Header 2
   
 

ALISA DEVELOPER’S CUT

Data di pubblicazione 2021/2023
Genere Avventura
Tema Horror
Origine
Sviluppo Casper Croes
Pubblicazione
Lingua Inglese- Giapponese- Francese – Italiano
Piattaforme PC STEAM / GOG – Ps4/PS5- Nintendo Switch
Sito Ufficiale https://www.caspercroes.com/
   

 

CARATTERISTICHE

– Caratteristiche –

  • – Classico gameplay survival horror
    – Veri sfondi pre-renderizzati
    – Valuta eccentrica e negozio di oggetti
    – Abiti e armature con potenziamenti unici delle statistiche dei giocatori
    – Dotazioni di armi
    – Una grande varietà di nemici e luoghi
    – Difficoltà “Soulsborne”
    – Sorprese dietro ogni angolo
    – Uno strano senso dell’umorismo
    – Un viaggio nostalgico alla fine degli anni ’90

– Developer’s Cut –

  • Cosa contiene:
    – 7 nuove armi
    – 8 nuovi vestiti
    – 2 nuovi negozi
    – 2 nuovi finali
    – funzionalità mod corpo
    – 2 nuovi nemici
    – nuovi filmati
    – nuovo gioco +
    – mira automatica
    – minigioco di pesca
    – 5 nuovi oggetti
    – bug importante correzioni
    – controlli plug&play xbox (per Windows e Linux)
    – risultati
EDIZIONE FISICA

Nessuna edizione fisica e’ prevista al momento

 

STORIA

Giochi nei panni di un agente reale d’élite chiamato Alisa. Mentre insegue un criminale ricercato, finisce in un’antica villa vittoriana. Cerca di trovare una via d’uscita mentre è perseguitata da umanoidi simili a bambole materializzate/meccanizzate

 

GAMEPLAY

 

UN REVIVAL DI GIOCHI HORROR STILE PSX

Negli ultimi anni c’e’ stato un revival di giochi horror con grafica Psx. Ho recensito qualche settimana fa di CANINE ( QUI RECENSIONE ) ed ora parliamo di ALISA! Uscito nel 2021 su Pc ottiene ora un port migliorato su Nintendo Switch -Ps4 /ps5 chiamata DEVELOPER’S CUT . Ovviamente anche la versione PC ha beneficiato di questi miglioramenti tramite una patch

Il gioco e’ un chiaro omaggio a Resident Evil, abbiam tutti gli elementi del caso : la casa dove arrivi per caso, i mostri dentro , l’atmosfera horror etc.. Il tutto tradotto in Italiano.

Tuttavia, tutto è cambiato con il nuovo porting per console, intitolato Alisa: Developer’s Cut . Sebbene questo aggiornamento non sia esclusivo della versione per console, garantisce che i nuovi giocatori potranno sperimentare la versione più moderna del gioco. Ad ogni modo, come regge l’horror classico nel 2024? 

 

NARRATIVA

Alisa inizia con alcuni filmati che parlano di  progetti rubati che richiedono alle forze di polizia di viaggiare di città in città per cercarli. I giocatori assumono il ruolo di Alisa, che si ritrova in una strana città quasi deserta. Anche se mi son piaciuti questi momenti di apertura, ho pensato che il gioco sarebbe stato meglio gettando le basi con un po’ più di tensione rispetto a quello che troverete . In tutta onestà, dopo un’ora, avevo già dimenticato il motivo per cui ero andato in quella città.

Alisa: Developer’s Cut dimostra che l’horror classico può prosperare nel 2024, fondendo il fascino della vecchia scuola con la sensibilità moderna per un’esperienza indimenticabile.

Durante la ricerca di indizi, vede un sospetto e lo insegue, solo per essere trascinata sotto terra dai mostri. Quando si sveglia, indossa un vestito ispirato ad Alice nel Paese delle Meraviglie in una strana villa. Non ci vuole molto prima che incontri qualcosa che può ucciderla, ma alla fine inizia ad ottenere alcune risposte. La trama vera e propria di questo gioco si spinge piuttosto oltre e finisce per diventare una miscela del classico Resident Evil e di un film di Quinten Tarantino in termini di colpi di scena e caos. Ciò ha in gran parte a che fare con l’evoluzione che Alice attraversa durante le 8 ore della campagna gioco . Sia nei vestiti che nell’attrezzatura, la sua sicurezza sembra cambiare dopo ogni tappa fondamentale della narrazione. La scrittura qui cattura ciò che i fan amano del genere survival horror e si appoggia ad esso.

Con una narrazione che danza tra lo schieramento di Resident Evil e i colpi di scena di Tarantino, Alisa cattura l’essenza della narrazione survival horror con audace sicurezza.

Il vocal e le musiche sono volutamente distorte e sporche per creare atmosfera. Mi sono piaciuti i filmati e i colpi di scena generali che mi hanno lasciato quasi spaventato ma gratificato.

 

CONTROLLI MODERNI

Il gameplay di Alisa rispecchia le sue ispirazioni offrendo ai giocatori la possibilità di utilizzare controlli old style ( tank controls)  o uno schema di controllo moderno. È una buona opzione da avere, ma penso che i controlli old style  funzionino meglio in questo ambiente, ma potrebbe volerci un po’ per abituarsi. , dato che premendo a destra o sinistra il personaggio ruota e non si sposta. Fortunatamente, lo sviluppatore ha creato una lunga sequenza di apertura per darti la possibilità di esercitarti a correre in linea retta. Il resto del gioco è un tocco relativamente standard per il genere: risolvi enigmi, conservi munizioni, combatti mostri, probabilmente muori una o due volte, ti senti frustrato perché ti sei dimenticato di salvare e forse ricominci da capo perché ti sei dimenticato di salvare, ne trovi di nuovi armi, diventa troppo sicuro di te verso la fine del gioco, abbatti tutto ciò che una volta ti terrorizzava, titoli di coda.

Il gioco è esattamente come saremmo negli anni 90 ai cambi di inquadratura da mal di testa ai controlli che al neofita risultano pressoché inutilizzabili passando per le musiche inquietanti e un design dei nemici davvero disturbante, tutto ciò che ha fatto innamorare una generazione intera di videogiocatori dell’universo di Resident Evil è qui, esattamente come ve lo ricordate, senza un’oncia di modernità.

Tuttavia, ciò non avviene senza alcuni elementi unici di gioco. Per cominciare, ogni nemico sconfitto rilascia soldi ( rotelle ) che viene utilizzata per acquistare oggetti e abiti, nonché per salvare il gioco. La gestione degli oggetti non è troppo cruciale in quanto i tasti sono tutti organizzati su un anello, ma l’attraversamento generale di questi menu è più ispirato a giochi come Clock Tower, in cui devi scorrere gli oggetti invece di vedere tutto ciò che hai su un’unica griglia. Il menu è necessario anche per usare le chiavi delle porte chiuse e per la guarigione, quindi vedrai spesso il carosello degli oggetti.

Inutile dire che non esistono i checkpoint, per preservare i vostri progressi dovrete quasi sempre tornare dall’inquietante venditore (un pupazzo animato da una mano che spunta da un muro) e investire le vostre preziose rotelle.

Il gioco inoltre  ha a camera fissa, in 4:3, con controlli e grafica retrò per riportare gli amanti del genere direttamente negli anni ’90.

Insomma tutto in perfetta nostalgia

 

ABITI, ARMI & SOPRAVIVENZA

I nemici possono essere piuttosto impegnativi, poiché il loro unico obiettivo chiaro è inseguirti e ucciderti. Ci sono anche molte trappole all’inizio del gioco che ti insegnano a conservare le armi e come mirare correttamente, ma c’è un costante senso di smarrimento che ti costringe a salvare spesso. Non direi che nessun aspetto del gioco sia ingiusto, ma è quasi un corso accelerato nel classico survival horror. Ci sono opzioni per la difficoltà, ma penso che sia il modo perfetto per introdurre i nuovi giocatori all’esperienza che avevano una volta i giocatori più anziani. Ciò è ulteriormente completato dalla grafica complessiva dell’era PS1 che non fa altro che aumentare l’esperienza.

Il Developer’s Cut of Alisa su console è un corso magistrale su come aggiornare un classico per l’era moderna, offrendo un gameplay fluido e funzionalità ampliate adatte sia ai nuovi arrivati ​​che ai veterani.

Al di fuori del gameplay, sento che gli abiti devono essere menzionati perché sono una parte piuttosto significativa del gameplay. Nel negozio puoi acquistare abiti per far sembrare Alice il più carina possibile mentre spazza via i demoni. Pregevole il  livello folle di armi a disposizione.

La parte del gioco Developer’s Cut  ha aggiunto diverse nuove opzioni, come la mira automatica, i minigiochi e New Game+, offrendo ai giocatori la migliore esperienza possibile sulle console. Dovrei menzionare che questo aggiornamento è disponibile anche nella versione Steam. Tuttavia, ritengo che questa versione definitiva offra la migliore esperienza di gioco e il porting ha funzionato senza intoppi durante il mio periodo di tensione su PS5.

Gran parte della tensione deriva dai nemici stessi, che sono stati progettati per apparire il più inquietanti possibile senza fare uso di sangue o effetti disgustosi. I semplici avversari delle bambole cammineranno lentamente verso di te, con le braccia tese, mentre altre creature potrebbero usare le bici da clown per falciarti. C’è un sacco di varietà qui, ma il nostro nemico preferito è una bambola simile a un fantasma che fugge dal suo confinamento di vetro all’inizio del gioco. Questo spettro ispirato a Woman in Black , proprio come la Nemesis di Resident Evil 3 , apparirà casualmente quando entri in determinate stanze e, se ti prende, infliggerà un’enorme quantità di danni.

 La musica, nel frattempo, varia da silenziosamente snervante a inducente al panico, mentre il tema specifico della stanza di salvataggio porterà un accogliente senso di calma e sicurezza, come dovrebbe.

Tutto sommato, probabilmente avrai a disposizione circa 8 ore di gioco per una corsa standard, e questo se non ti preoccupi di gadget aggiuntivi come armi o vestiti sbloccabili. Se vuoi raccogliere tutto, il gioco supererà facilmente il limite delle 10 ore. Come tutti i grandi survival horror, anche qui ci sono ampie opportunità per mettere alla prova le tue abilità di speedrunning, con extra aggiunti come finali multipli e una modalità New Game+ opzionale che aggiunge un bel tocco di rigiocabilità.

LA VERSIONE DEFINITIVA ?

Alisa: Developer’s Cut  su console offre ai giocatori la possibilità di sperimentare il classico genere survival horror realizzato in modo moderno. Il suo approccio alle opzioni e alla giocosità offre un modo completamente nuovo di sperimentare questo genere. Lo consiglierei facilmente a chiunque voglia rivivere il classico survival horror e tutte le frustrazioni che ne derivano.

VERDETTO

Alisa Developer’s Cut è un eccellente omaggio al classico survival horror che può facilmente confrontarsi con artisti del calibro di Resident Evil e Alone in the Dark. Dai controlli Tank allo scadente lavoro di doppiaggio, cattura quasi ogni aspetto, fornendo un’esperienza che sembra uscita direttamente dagli anni ’90. Il suo fascino generale sarà probabilmente limitato a coloro che hanno una profonda familiarità con il survival horror, ma se sei tu, allora preparati per uno dei migliori esempi del genere fino ad oggi.

 


FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT
INDICE CONTENUTI ▲