PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home Review
Crystal Story: Dawn of Dusk – RECENSIONE

 ( 2024 Fred Brown Games, LLC ) - ( Pc Steam/Gog  )

Crystal Story: Dawn of Dusk – RECENSIONE

 ( 2024 Fred Brown Games, LLC ) - ( Pc Steam/Gog  )

di LittlePellizza
A+A-
Reset

Crystal Story: Dawn of Dusk

– Recensione –

 ( 2024 Fred Brown Games, LLC ) – ( Pc Steam/Gog  )

INFO

Crystal Story: Dawn of Dusk segna il primo episodio e il fondamento della serie!
Crystal Story è una serie che unisce un’affascinante grafica in stile retrò, con azione frenetica e battaglie a turni, fortemente ispirate ai classici a 16 bit!

 

Header 1 Header 2
   
 

CRYSTAL STORY : DAWN OF DUSK

Data di pubblicazione 13 gennaio 2024
Genere Jrpg
Tema Fantasy
Origine
Sviluppo Fred Brown
Pubblicazione
Fred Brown Games, LLC.
Lingua Inglese- Russo – NO Italiano
Piattaforme PC STEAM / GOG
Sito Ufficiale https://bredfrown.itch.io/crystal-story-dawn-of-dusk
   

 

CARATTERISTICHE

– Caratteristiche –

  • Usa le Arti per attraversare un mondo impegnativo, sconfiggere i nemici e risolvere enigmi!
  • Un’avventura ibrida in stile retrò-moderno ti riporterà al passato, ma con un tocco moderno!
  • Include un filtro CRT opzionale per un tocco nostalgico!
  • Gli aggiornamenti dinamici aggiungono contenuti aggiuntivi, aree, missioni secondarie, trame secondarie e altro ancora , in modo completamente gratuito.

– Aggiornamenti dinamici –

Crystal Story è un’esperienza sempreverde, con la prima voce episodica che può essere completata in circa 3-6 ore .

A partire dalla metà del 2024, gli Aggiornamenti dinamici aggiungeranno contenuti aggiuntivi, aree, missioni secondarie, trame secondarie e altro ancora .

Anche gli Aggiornamenti Dinamici saranno completamente gratuiti. Aggiorna semplicemente e divertiti!*


– Future espansioni episodiche –

Le future espansioni episodiche pianificate continueranno la narrativa di Crystal Story oltre gli Aggiornamenti dinamici.

A episodi, ma con maggiore libertà, i giocatori potranno portare avanti gli obiettivi di queste espansioni, potendo anche tornare ed esplorare le aree precedenti introdotte in Dawn of Dusk (e altre future espansioni episodiche) e i rispettivi aggiornamenti dinamici.

I dettagli sulle future espansioni episodiche saranno disponibili a breve.**

*(Nota: alcuni contenuti richiederanno il completamento di Dawn of Dusk per essere sbloccati.)

**(Nota: a differenza degli aggiornamenti dinamici, le future espansioni episodiche saranno a pagamento contenuti aggiuntivi.)

***Questo gioco presenta colori e immagini lampeggianti e tremolanti.***

EDIZIONE FISICA

Nessuna edizione fisica e’ prevista al momento

 

STORIA

– TI PRESENTO MINA –

I giocatori assumono il ruolo di Mina, una giovane avventuriera di Dawnside , che deve attraversare un mondo pericoloso e distrutto chiamato Duskside , per trovare suo fratello perduto da tempo che è stato rapito dalle forze di un grande demone chiamato Termina .

– È TUTTO NELLE ARTI –

Mina è dotata della capacità di usare la magia degli elementi del fuoco chiamata Arti ! Le arti le permettono di affrontare condizioni difficili mentre combatte i nemici che si frappongono sulla sua strada! Mina può anche potenziare le Arti per scambiare colpi con nemici più forti negli incontri più difficili!

 

GAMEPLAY

 

EARTHBOUND SEI TU ? O FORSE UNDERTALE ?

Non c’è dubbio che i vecchi giochi retrò siano tutt’altro che finiti, poiché la nostalgia continua a rivelarsi una potente attrazione per molti, sia nel mercato mainstream che in quello indipendente. Sembra che tutti desideriamo giochi che evochino un’epoca passata o riportino una serie dalle ceneri in un tripudio di gloria. A volte, gli sviluppatori indipendenti possono persino ringiovanire vecchie idee con sensibilità moderne, creando non solo un amorevole omaggio al passato ma qualcosa di veramente speciale di per sé. Crystal Story: Dawn of Dusk dello sviluppatore Fred Brown è uno di questi omaggi che prende forti spunti dalle avventure del passato ( tipo Earthboud ) sperando di portare qualcosa di nuovo sul tavolo con alcune meccaniche uniche.

 

UNA STORIA CHE NON BRILLA

Il giocatore si ritrova nei panni di Mina, una giovane ragazza che vive in un mondo simile al nostro conosciuto come “Dawnside”. Dopo alcuni sogni strani e spaventosi, nonché un incontro sorprendente con un mostro nel bosco, si ritrova nel mondo di “Duskside”, una terra desolata minacciata da una bestia conosciuta come Termina. Armata di spada, lancia e di qualche pratica magia conosciuta come Arti, deve esplorare questo strano mondo e forse anche scoprire la verità su quello che è successo al suo fratello perduto da tempo. È una storia che sembra decisamente uscita dai tempi del Super Nintendo.

Come disclaimer, prima di continuare, la storia raccontata da questo gioco non è che una parte dell’intera saga, che è qualcosa che non conoscevo prima di giocare. Quindi, qualsiasi critica che faccio al gioco per la sua storia potrebbe benissimo essere corretta in seguito, e lo accetto completamente. Ma sono rimasto un po’ scioccato quando i titoli di coda hanno iniziato a scorrere dopo solo tre ore e, con ciò che il gioco ha presentato finora in termini di narrativa, ho trovato difficile sentirmi coinvolto.

C’e’ una sensazione d’incompleto, e i personaggi sembrano semplicemente troppo accennati e sottosviluppati. Si adattano bene a trofei specifici ma per ora non fanno molto per espandersi oltre quei confini, quindi finiscono per sentirsi un po’ deboli. Potrebbero mostrare profondità introspettive nascoste in una parte successiva della storia, ma fin dall’inizio non hanno fatto nulla per coinvolgermi nel mondo che questo gioco sta cercando di costruire una saga. Occasionalmente il gioco utilizza pixel art meravigliosamente progettati per illustrare determinati momenti, altre volte ti descrive semplicemente i momenti, l’epitome del raccontare, piuttosto che del mostrare ed è un vero peccato. C’è una certa creatività genuina mostrata nei design, ma oltre a ciò sembrano semplicemente dimenticabili.

 

COMBATTIMENTI ED ENIGMI : COME SI COMPORTA CRYSTAL DAWN ?

Ma la storia non è sempre tutto; può certamente migliorare o elevare un’esperienza, ma finché il gioco in sé è buono, allora questo è probabilmente più importante. Tuttavia, non penso che Crystal Story riesca a raggiungere l’obiettivo nemmeno qui e confonda i concetti fondamentali del gameplay. Prendendo spunto dai titoli di Zelda in 2D o Earthbound , una parte di Crystal Story ti vede controllare Mina da una prospettiva dall’alto verso il basso mentre si fa strada tra i nemici e risolve enigmi. Oltre a questo, ha accesso alle sue Arti, che di solito vengono utilizzate per stordire i nemici prima che tu possa effettivamente sconfiggerli. Nemici diversi richiedono arti diverse per renderli vulnerabili e questo sembra un concetto decente in teoria, e occasionalmente i meriti dell’idea traspaiono. È incredibilmente facile passare da un’arte all’altra al volo, così puoi cambiare la tua strategia indipendentemente dai nemici che incontri.

Tuttavia, il combattimento inizia a diventare problematico quando sei costantemente inseguito da un nemico in particolare che non ti lascia in pace. All’inizio, questo nemico ti farà solo del male, ma in seguito ti teletrasporterà all’inizio del dungeon e, anche dopo, essenzialmente ti avvelenerà. L’unico modo per sbarazzarsi del veleno? Usa il tipo di Arti da cui questa creatura oscura non viene danneggiata. Quindi passi a quello, solo per dover tornare indietro per attaccare l’ombra mentre scende di nuovo su di te. Affrontare questa oscura minaccia mentre anche altri nemici sono in agguato, gli incontri diventano rapidamente un’esperienza frustrante.

Il combattimento è anche rovinato da una mancanza di rifinitura generale; quando vieni ferito, rimani congelato sul posto per un breve momento e non puoi fare nulla finché il gioco non ti restituisce i controlli. Ciò rende molto difficile reagire effettivamente, e anche gli hitbox traballanti su alcuni nemici non aiutano molto. Anche se puoi muoverti mentre lanci un incantesimo palla di fuoco, devi rimanere fermo per usare le bombe, il che ostacola ulteriormente l’esperienza. Ciò riduce anche alcuni elementi del puzzle, poiché alcune sezioni sarebbero molto meno aggravanti se ti fosse permesso muoverti e lanciare bombe.

Gli enigmi, in generale, sono probabilmente una delle parti più forti del gioco, ma sfortunatamente mi sembrava che anche questi fossero accennati. Vengono introdotti alcuni concetti, ma per altri devi semplicemente tirare ad indovinare. Una soluzione particolare richiede che tu sappia qualcosa su un certo tipo di nemico per poterlo risolvere, ma il gioco non te lo dice mai, o se lo fa, non lo rende così palese come probabilmente dovrebbe. Non è impossibile indovinare cosa fare, ma sembra un po’ ingiusto nascondere informazioni importanti al giocatore. Non mi aspetto nemmeno che il gioco ti tenga per mano. Mi fa piacere quando un gioco ti dà libero sfogo per risolvere enigmi, ma Crystal Story non sembra che gli importi abbastanza da dirtelo a volte.

 

I BOSS DI CRYSTAL SONO IMPEGNATIVI ?

È qui che devi affrontare l’altro stile di gioco presente in Crystal Story. Le battaglie contro i boss si discostano dall’esplorazione e dal gioco con la spada in stile Zelda, passando invece a un sistema a turni simile a Earthbound. Queste sezioni sono esteticamente sorprendenti, ma la meccanica qui è semplicemente realizzata molto male. Sono in bilico tra l’essere troppo semplici e troppo complessi per il loro bene in quanto non c’è molto da fare in combattimento al di fuori dell’attacco, della ricarica dei tuoi AP per le Arti o dell’uso di oggetti, ma poi caricare i tuoi AP richiede di completare un breve , a tempo, la sezione puzzle in stile Zelda e schivare gli attacchi nemici richiedono di farlo in modo simile.

L’unico modo per infliggere danni consistenti nei combattimenti contro i boss è fare affidamento sulle abilità piromantiche di Mina, che il gioco chiama “Arti”. Per eseguire le Arti, Mina deve impegnarsi in una sequenza di carica. Sorprendentemente, queste sequenze assumono la forma di puzzle di dungeon in miniatura. Questi enigmi ridotti hanno un limite di tempo, costringendo i giocatori a pensare rapidamente. Ogni sequenza di puzzle ospita anche vari nemici legati ai dungeon, incoraggiando il gioco abile e rafforzando le meccaniche precedentemente stabilite. Anche gli attacchi dei boss hanno questo livello di dinamismo. Quando un boss attacca, il giocatore può schivare o contrastare l’attacco, supponendo che abbia i riflessi e il know-how meccanico.

Nel complesso, i combattimenti contro i boss sono incredibilmente coinvolgenti ma frustranti e mi ricordano molto il combattimento in Undertale di Toby Fox. Il limite di tempo e i pericoli forniti dai mostri in questa sequenza rendono i combattimenti avvincenti e frenetici. Avere la possibilità di perfezionare un boss è estremamente gratificante ma frustrante in quanto richiedono decisioni veloci

Ancora una volta, ipoteticamente, questo dovrebbe essere un approccio interessante al combattimento a turni; altri giochi hanno iniettato con successo espedienti come questo nei propri sistemi con grande effetto. Ma qui, tutta la ruvidità e i bordi irregolari del combattimento e della risoluzione degli enigmi rendono queste sezioni esasperanti più di ogni altra cosa.  Quindi, ho dovuto semplicemente premere più e più volte l’opzione di attacco concentrandomi invece sulle parti di schivata. Il gioco in seguito mi ha costretto a impegnarmi comunque con questa meccanica di carica per sferrare il colpo finale al boss e, a quel punto, l’attacco risultante ha causato molti più danni, quindi l’intero sistema sembra comunque arbitrario.

 

 

VALE LA PENA GIOCARLO ? BUG ?

Ecco alcuni altri piccoli problemi, appena improvvisati: a un certo punto mi sono ritrovato bloccato in modo soft e ho dovuto rifare circa mezz’ora di gioco; non esiste una mappa all’esterno o all’interno delle aree dei sotterranei, il che non è un grosso problema in questa fase iniziale della vita del gioco, ma potrebbe diventare problematico man mano che i sotterranei e le aree diventano sempre più complessi; entrare in una nuova schermata ti blocca per un momento finché il nome dell’area non scompare dallo schermo; Sono rimasto bloccato per un momento perché il pulsante per far atterrare il tuo aereo è lo stesso pulsante utilizzato per far avanzare il dialogo; il filtro CRT opzionale spesso non rimaneva attivo, nonostante fosse ben visibile nella pagina dello store del gioco.

Penso davvero che ci sia qualcosa di buono in Crystal Story . C’è del merito nelle sue idee, nei suoi concetti e talvolta anche nella sua esecuzione. Le immagini sono realizzate in modo eccellente e, chiaramente, è stato messo molto amore in esse. Anche la colonna sonora è fantastica, soprattutto nelle battaglie contro i boss. Ma alla fine, se tutti questi elementi non si amalgamano bene lascia dietro di sé solo un ritorno al passato che semplicemente non può replicare ciò che ha reso quei classici del passato davvero speciali.

Non posso consigliare di investire tempo o denaro in Crystal Story: Dawn of Dusk in questo momento. In tanti modi, sembra semplicemente incompleto. Sembra più o meno una demo per la quale devi pagare 15euro . Il mio desiderio più sincero è che lo sviluppatore possa trasformare questo gioco in qualcosa di più grande perché, per quello che vale, posso vedere l’amore e l’impegno. Penso solo che ci volesse un po’ più di tempo per diventare un vero gioiello indie.

 

OMAGGIO

Lo sviluppatore Fred Brown ha reso un omaggio a quei giochi di un tempo con Crystal Story: Dawn of Dusk, un gioco che sembra un po’ una fusione di un vecchio gioco per Super Nintendo Zelda con qualcosa come il famosissimo titolo indie Undertale ..

Qualche linguaggio leggero occasionale è nel mix di gioco. I giocatori incontreranno l’uso di “d–n it” e “h—”, insieme all’uso delle parole “crap”, “heck” e “geez”.

Purtroppo manca la lingua italiana

VERDETTO

Crystal Story: Dawn of Dusk sembra semplicemente troppo incompleto per essere consigliato in questo momento. C’è la possibilità che il gioco migliori man mano che vengono completati e aggiunti nuovi aggiornamenti, e spero davvero che sia così. Ma attualmente un pasticcio di meccaniche frustranti rovina questo ritorno al passato retrò.

Oltre a questo il prezzo a cui e’ venduto e’ folle

 


FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT