PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home My Life
SPAGO SPAGHETTI

Un gioco di strategia per buongustai

SPAGO SPAGHETTI

Un gioco di strategia per buongustai

di LittlePellizza
A+A-
Reset

“Un gioco di strategia per buongustai”.


SPAGO SPAGHETTI!

( 1989 – Ready! Set! Spaghetti! )

DESCRIZIONE
N° giocatori dai 2 ai 4
Requisiti
Età 6+
Preparativi < 5 minuti
Aleatorietà Alto
Obiettivo Perdere un milione di dollari e fare un debito prima degli altri giocatori.

Spago Spaghetti ( Ready! Set! Spaghetti! , il titolo originario ) è  un gioco da tavola  parodistico ispirato all’Italia dal punto di vista dagli americani, data la grandiosa illustrazione sulla scatola che mostra diversi partecipanti ad una gara di spaghetti, in cui vince chi ne mangia di più.

LA STORIA

 

Il gioco viene ideato nel 1989 da MB ed arriva in Italia nello stesso anno

Pubblicità americana
Spago Spaghetti in Italia è diventato famoso soprattutto per BimBumBam, il mitico contenitore di cartoni animati che intratteneva noi figli degli anni 80/90 nei lunghi pomeriggi.

Vi è stata dai primi anni 90 una partnership tra il programma di Italia 1 e la Milton Bradley (la cara MB) per creare ad hoc piccoli gameshow da 15/20 minuti al pomeriggio basati sui titoli in scatola della casa editrice.

Videro così la luce:
“Mega Hotel: La grande corsa” – ambientata sul mega tabellone di “Hotel”
Occhio alla strega” – versione gigante del gioco “Frega la Strega”
Indovinate chi è?” – il caro vecchio Indovina Chi?
Super Forza 4” –  ..beh..si commenta da solo!
Super Splat!” – tratto da “Splat!”

…ed infine “La Spaghettata”, ovvero la versione gigante di “Spago Spaghetti!”

IL GIOCO

 

Ecco gli elementi di gioco che troviamo dentro la scatola
Ecco gli elementi di gioco che troviamo dentro la scatola (nello spiegare il contenuto e le regole, mi baserò sull’edizione MB del 1985):
  • 28 ingredienti (divisi tra polpette o meatballs, peperoni, funghi, cipolle e pomodoro)
  • un dado sul quale ogni faccia ha un ingrediente e in più c’è un punto interrogativo
  • una plancia di gioco dove alla prima partita dovrete montare 4 cucchiaie i 4 spaghetti colorati che non sono nient’ altro che delle corde legate alle rispettive forchette (di colore giallo, rosso, blu e verde).

Inoltre i condimenti e la grafica del tabellone sono ispirato al delierio culinario americano,  noi non metteremmo mai funghi polpette cipolle e peperone verde in un piatto di spaghetti al pomodoro. Una cosa carina sono i vari nomi dello stesso gioco nei vari paesi europei riportati sul retro della confezione.

Le istruzioni si trovano sul retro del coperchio sono dettagliate, spiegano sia il montaggio, sia some riporre il gioco una volta ultimato: a faccia in giù nell’affare di plastica che ha degli incavi fatti a posta per alloggiare le padelle che in realtà sono i cucchiai.

REGOLE

Preparativi

Se giocate in 4 non ci sono problemi ad ogni giocatore verrà assegnata una forchetta se giocate in 3 anche, perché una forchetta resterà inutilizzata ma se giocate in due dovete scegliere per ogni giocatore due colori altrimenti gli spaghetti sulla plancia di gioco saranno poco intricati e per vincere dovete arrotolare lo spaghetto con entrambe le forchette che avrete scelto.

Svolgete lo spago dalla forchetta del colore che avete selezionato ed incastratela nel cucchiaio, ogni giocatore tirerà in alto il proprio spaghetto e lo lascerà ricadere sulla plancia di gioco al suono di “spago spaghetti”.

I fili devono essere lasciati così come cadono e al proprio turno ogni giocatore infilerà un condimento in uno dei buchi presenti sulla plancia di gioco. Mi raccomando i pioli dei condimenti hanno una parte smussata quindi se non entrano nel foro ruotateli e non forzate perché si potrebbero rompere. Una volta sistemati tutti i condimenti tutti i fori saranno tappati e si potrà cominciare a giocare.

 

Come si gioca

I giocatori ruoteranno la loro forchetta arrotolando la porzione di spaghetto che non è stata imprigionata nei condimenti, non tendete troppo lo spago altrimenti la forchetta potrebbe fuoriuscire dal proprio alloggiamento.

In seguito, al proprio turno, ogni giocatore tira il dado e dovrà toglierà dalla plancia di gioco il condimento che gli è uscito, se tirerà un punto interrogativo potrà scegliere a suo piacimento il condimento. Al termine del turno al grido di spaghetti tutti i giocatori CONTEMPORANEAMENTE dovranno avvolgere la loro forchetta perché può capitare che la rimozione di un ingrediente agevoli più giocatore.

È importante che tutti i giocatori arrotolino i propri spaghetti contemporaneamente perché alla fine del gioco se si sono liberati più spaghetti sarà il giocatore più veloce ad arrotolare a vincere la partita.

Quindi si continua così tirando il dado ed arrotolando gli spaghetti fino a quando un giocatore ha arrotolato tutto il proprio spaghetto.

Una cosa che non vi ho detto è che quando esce un ingrediente che non è più presente sul tabellone dovete tirare il dado finché non vi esce un ingrediente presente che potete divellere.

Fate attenzione, se comprate questo gioco usato, che tutti i perni e i pioli degli ingredienti siano integri.

Obiettivo :
Vince il gioco chi per primo riesce a riavvolgere tutto lo spaghetto attorno alla propria forchetta.

Grazie : Alla Soffitta di Lalla & Po per le spiegazioni

CONCLUSIONI

 

Come tutti i giochi anni 90 l’elemento televisivo gioca ovviamente un ruolo fondamentale. Vedere prima il gioco tv a grandezza naturale e poi scoprire che da li a poco usciva in scatola era come vedere un quiz su Canale5 e poi acquistare il suo corrispettivo in scatola: sapevi già cosa stavi per comprare e come si giocava.

 

In più l’elemento televisivo rendeva il gioco più magico cercando di ricreare nelle mura domestiche il clima di gioco che vedevi il pomeriggio in Tv… quando si giocava in casa a Spago Spaghetti in verità si giocava alla “Spaghettata” di Bim Bum Bam!
Forse un po’ troppo poco longevo: alla lunga diventa noioso.
I materiali non sono eccellenti e soprattutto gli ingredienti tendono a rompersi facilmente nella fase di inserimento ed estrazione dalla plancia.
Occorre avere un po’ troppa fortuna: il gioco ha un po’ di strategia ma fondamentalmente le azioni sono dettate dal dado.
Da riscoprire !
VERSIONI MODERNE

Nonostante il gioco non sia più in produzione da anni altre case produttrici han rilasciato versioni simili con nomi diversi

 


FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

FOLLOW US! JOIN GROUP ON FACEBOOK!

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT