PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home DelirioFilm/serie TV/Cinema! Stephen ( Django Unchained ) odia i neri ? Odia Django ?

Stephen ( Django Unchained ) odia i neri ? Odia Django ?

di LittlePellizza
A+A-
Reset

Perché il personaggio interpretato da Samuel Jackson in Django Unchained odia i neri e Django ?

SCHEDA PERSONAGGIO

   
   

Nome

Stephen Warren

Genere

Maschio

Data di nascita

c. 26 giugno 1780

Luogo di nascita

Stati Uniti d’America

Famiglia

Madre senza nome

Padre senza nome

fratelli senza nome

Sorelle senza nome

Nonna senza nome

Nonno senza nome 

Occupazione

Schiavo capo schiavo di Calvin Candie

Arma

Sconosciuto

Stato

Deceduto : Fatto saltare in aria da Django

Posto di morte

CANDYLAND

Maestro/i

  • Calvin Candie
  • Lara Lee Candie-Fitzwilly(molto brevemente)

Schiavo/i

  • Cora
  • Saba
  • Broomhilda Von Shaft

Attore

 Samuel L.Jackson

 

BIOGRAFIA

Stephen (26 giugno 1780 – 7 maggio 1859) era lo schiavo domestico e amico intimo di Calvin Candie .È l’antagonista secondario di Django Unchained . Essendo uno schiavo domestico anziano più rispettato degli altri, Stephen personalmente si considera secondo solo all’uomo bianco con tutti i suoi compagni neri sotto di lui.

Stephen saluta Candie in modo abbastanza familiare, essendo cresciuto nella casa di Candie e praticamente allevando Calvin fin dalla giovinezza. Dal suo primo sguardo a Django sul suo cavallo, sviluppa un profondo odio per lo schiavo emancipato. Quando Candie chiede che la schiava di lingua tedesca Broomhilda (indicata come “Hildy”) sia preparata per la compagnia di King Schulz, Stephen informa il suo padrone che Broomhilda ha tentato di scappare ed è stata rinchiusa nella “scatola calda”. Candie gli ordina di rilasciarla e di ripulirla per passare la serata con Schultz prima di cena. Stephen non è d’accordo con questo ordine, ma lo obbedisce. Durante il pasto, Stephen’ L’antipatia di S nei confronti di Django diventa sempre più evidente a causa del fatto che è un uomo libero ed è libero di cavalcare a fianco degli uomini bianchi. In qualità di schiavo domestico anziano, ha il lusso di essere l’autorità sugli altri schiavi, ma il suo intelletto, come quello di tutti gli schiavi, è grossolanamente sottovalutato dal suo proprietario. Questa è di per sé una sorta di libertà, perché offre a Stephen l’opportunità di guardare e vedere cosa sta realmente accadendo a tavola. Notando come Django e Broomhilda si guardano durante la cena, si insospettisce. In cucina, prende in giro Broomhilda chiedendole se conosce o meno Django. Successivamente, informa Candie che Django e Schultz sono più interessati a Broomhilda che all’acquisto degli schiavi maschi che gli avevano detto di volere. ha il lusso di essere l’autorità sugli altri schiavi, ma il suo intelletto, come quello di tutti gli schiavi, è grossolanamente sottovalutato dal suo proprietario. Questa è di per sé una sorta di libertà, perché offre a Stephen l’opportunità di guardare e vedere cosa sta realmente accadendo a tavola. Notando come Django e Broomhilda si guardano durante la cena, si insospettisce. In cucina, prende in giro Broomhilda chiedendole se conosce o meno Django. Successivamente, informa Candie che Django e Schultz sono più interessati a Broomhilda che all’acquisto degli schiavi maschi che gli avevano detto di volere. ha il lusso di essere l’autorità sugli altri schiavi, ma il suo intelletto, come quello di tutti gli schiavi, è grossolanamente sottovalutato dal suo proprietario. Questa è di per sé una sorta di libertà, perché offre a Stephen l’opportunità di guardare e vedere cosa sta realmente accadendo a tavola. Notando come Django e Broomhilda si guardano durante la cena, si insospettisce. In cucina, prende in giro Broomhilda chiedendole se conosce o meno Django. Successivamente, informa Candie che Django e Schultz sono più interessati a Broomhilda che all’acquisto degli schiavi maschi che gli avevano detto di volere. Notando come Django e Broomhilda si guardano durante la cena, si insospettisce. In cucina, prende in giro Broomhilda chiedendole se conosce o meno Django. Successivamente, informa Candie che Django e Schultz sono più interessati a Broomhilda che all’acquisto degli schiavi maschi che gli avevano detto di volere. Notando come Django e Broomhilda si guardano durante la cena, si insospettisce. In cucina, prende in giro Broomhilda chiedendole se conosce o meno Django. Successivamente, informa Candie che Django e Schultz sono più interessati a Broomhilda che all’acquisto degli schiavi maschi che gli avevano detto di volere.

Infuriata per essere stata ingannata, Candie minaccia di uccidere Broomhilda a meno che King non possa permettersela per $ 12.000. King è d’accordo, ma presto uccide Candie con una ferita da arma da fuoco al petto, che porta a un brutale scontro a fuoco, durante il quale si vede Stephen piangere per il corpo di Candie. Alla fine, mentre Django esaurisce le munizioni, Stephen gli offre due opzioni: arrendersi o vedere uccidere Broomhilda. Django si arrende ed è sottomesso. Gli ordini originali della sorella di Candie, Lara Lee, erano di castrarlo, ma Stephen la convince a non farlo e manda Django alle miniere di carbone per essere lavorato a morte. Django fugge convincendo i conducenti di schiavi che è un cacciatore di taglie e dopo il funerale di Candie, massacra gli uomini rimasti e la sorella di Candie. Django lascia partire gli ultimi schiavi ma ordina a Stephen di restare. Stephen lascia cadere il bastone e si raddrizza mentre cammina verso Django, dimostrando che l’aspetto di uno schiavo domestico zoppicante non era altro che uno stratagemma per apparire non minaccioso. Stephen sfida Django dicendo che ha finito le munizioni, tuttavia, Django estrae una seconda pistola. Dopo alcuni dialoghi, Django spara a Stephen alle rotule e lo lascia morire mentre gli esplosivi che fa esplodere distruggono la casa principale e radono al suolo Candyland.

ODIA I NERI? ODIA DJANGO?

Stephen proviene da una lunga serie di schiavi domestici ( È quello che in gergo veniva chiamato “il negro di casa )  e si può considerare come una specie di Kapoo di Candyland. Non ha mai messo piede sui campi. Non è mai stato punito all’estremo come gli schiavi di campo. A causa della sua educazione e dell’esperienza della schiavitù da una prospettiva diversa, si convince di avere più potere sugli schiavi da campo. Non si sente come proprietà reale. Si sente come se stesse vivendo la vita di un uomo bianco. Sinceramente, è trattato in modo diverso perché ha contribuito a crescere Candie e questo ha giocato un ruolo importante nel comportamento di Stephen.Quest’ultimo lo considera quanto di più vicino a un padre e lo tollera salvo quando serve far capire chi comanda veramente ( e stephen è intelligente da capire quando non deve tirare troppo la corda ).

Il modo più veloce per diventare bianco è odiare i neri

Stephen è anche il vero custode della dimora di Candie. Gestisce la casa e la piantagione mentre Candie si avventura per le sue avventure di combattimento di Mandingo. Sente di avere il dovere di tenere in ordine gli altri e di riordinare la casa in modo che anche lui possa ricevere più elogi come schiavo capofamiglia. Detiene il suo titolo con orgoglio perché pensa che sia il secondo miglior titolo oltre ad essere bianco.

In breve, Stephen non è un manichino. Egli compie un atto in modo da essere trattato in modo diverso dallo status e per mantenere il suo lusso implementa un personaggio che non è legato alla schiavitù. Ciò significa che fa quello che deve per affermarsi come diverso da ogni altro schiavo che incontra. Se questo significa punire gli schiavi come se fosse un proprietario, così sia, perché per Stephen, stare dalla parte di Candie batte qualsiasi altra cosa. Lui a tutti gli effetti si considera bianco.

E’ il vero patriarca di Candyland Tarantino ci fornisce diversi indizi durante il film che puntano a questo. La più ovvia è la scena della biblioteca. Primo, è Stephen che insiste affinché Calvin lo raggiunga in biblioteca. All’inizio Calvin dice di no, ma quando Stephen insiste, Calvin è apparentemente impotente a dire di no e si arrende.

 

Stephen è molto più intelligente di Calvin. Tarantino in realtà si prende gioco di questo con i due personaggi. Calvin ha avuto la migliore istruzione che il denaro potesse permettersi, è educato, rispettato e un gentiluomo. Stephen è uno schiavo senza istruzione formale, ma sa subito che c’è qualcosa tra Django e Brunhilde ed è lui che deve farlo notare a Calvin. Al contrario, Calvino è ben informato sull’argomento della frenologia, che sappiamo essere una pseudoscienza. È improbabile che Calvin sia davvero in grado di controllare Stephen, che ha semplicemente più “intelligenza da strada” e istinto di sopravvivenza.

Quando Calvin viene colpito e ucciso dal dottor Schultz, non piange solo perché Calvin è morto. Piange perché ha perso il suo veicolo di potere legittimo. Sa che senza Calvin, presto sarà solo un altro schiavo.

Stephen odia Django perché Django rappresenta ciò che Stephen vorrebbe essere: un uomo di colore che esercita il potere allo scoperto. Django non deve ricorrere all’essere la figura oscura che è Stephen. Ottiene il suo potere dalla pura spavalderia e dalla canna di una pistola.Vederlo sul cavallo ( cosa che a lun non è permessa ) , muoversi da uomo libero lo  manda giù di testa. Stephen non aveva mai avuto quel privilegio e, nonostante fosse soprattutto uno schiavo di Candie, si risentiva di Django perché esisteva a un livello superiore al suo.

Anche dopo la morte di Calvin vediamo che Stephen detiene ancora un po’ di potere. È ovvio che è luia decidere il destino di Django (mandandolo alla compagnia mineraria), ma ancora una volta avviene sotto le spoglie della signora Candie che ha effettivamente preso la decisione.

Stephan ha il controllo assoluto di Candyland e immediatamente, come una mentalità libera, ne individua un’altra in Django, e conosce i pericoli insiti in quello/lui, rispetto all’equilibrio che Stephan ha creato nel corso di decenni a Candyland.

Stephan, per gestire Candyland attraverso il figlio E la figlia, deve far loro credere di essere più intelligenti, di avere il controllo, di capire le persone, di avere le proprie idee. Quella manipolazione basata sulla loro superiorità razziale percepita (e quella del pubblico del film) non è vista da una lente / mentalità bianca – che non deve essere limitata all’etnia del colore della pelle della razza – a causa dell’assunto inferiore dei neri , sempre dai personaggi e dal pubblico del film.

Stephan riconosce però il pericolo e la doppiezza di Django e Schultz, riconosce immediatamente l’ombra e il portamento di Django come potenzialmente sconvolgenti, non per gli uomini bianchi che lo accettano a malincuore e lo deridono, ma per gli altri schiavi. Se gli altri schiavi vedono Django così libero, inizieranno a comportarsi in un certo modo di fronte ai bianchi e poi i bianchi si renderanno conto che tutto quel trascinarsi e servitù e ridere insieme – come fa Stephan a tavola e cambia immediatamente quando entra dalle porte della cucina – è una stronzata – noi, gente nera intelligente e manipolatrice, lo facciamo di fronte ai bianchi per sopravvivere, per prosperare, per mantenere il controllo su di loro. Django è una minaccia per rivelare il volto dietro le maschere nere della servitù.

Ci vuole molta energia per controllare le persone, per gestire un gruppo di persone, in particolare quando l’oppressione e la violenza sono strumenti per l’oppressione. La violenza è la forma più vile di intimidazione e controllo. Quindi il controllo, il vero controllo – quando ti siedi nella biblioteca del tuo “maestro” e bevi cognac con le gambe incrociate come un uomo raffinato e riflessivo – richiede astuzia ed è per questo che è così abrasivo e acuto con Candie in privato. Django e Schultz sono un virus all’interno dell’equilibrio, ma l’arrogante superiorità razziale di Candie lo rende cieco alla minaccia ea loro.

Perché Stephan sta conducendo lo spettacolo attraverso di loro. Non ha mai dotato Candie degli strumenti di discernimento che possiede.

Lo squilibrio razziale, in particolare in America, ha sempre riguardato sistemi e armi . Questo è il motivo per cui si discute così tanto sul razzismo sistemico e sulle azioni militari (polizia, guardia nazionale, ecc.). È lì che neri e latinoamericani (tranne a Cuba, motivo per cui vedete che ha reso gli Stati Uniti così nervosi cacciando gli americani, assorbendo tutti i soldi, le compagnie e le terre e poi alleandosi con i russi) hanno un deficit: sistemi e armi.

E se guardi da vicino, neri e latini sono stati reclutati nell’esercito per decenni a causa della mancanza di opportunità altrove.

Nonostante questo ama Candie dal profondo del suo cuore e farebbe qualsiasi cosa per ottenere l’amore di Candie

Questo è tutto! Che ne pensate? Scrivetelo nei commenti!

PLAYRETRO.IT E’ SU FACEBOOK!!  👾👀

Seguimi se ti va su Facebook! ⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝🔝

 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT
INDICE CONTENUTI ▲