PLAYRETRO.IT

Never Surrenda To the Future!

Home 🎮 Gamez ! Gordon Moore , pioniere della Silicon Valley che ha co-fondato Intel, muore a 94 anni

Gordon Moore , pioniere della Silicon Valley che ha co-fondato Intel, muore a 94 anni

di LittlePellizza
A+A-
Reset

Gordon Moore, pioniere della Silicon Valley che ha co-fondato Intel, muore a 94 anni

Le sue innovazioni nei chip semiconduttori hanno contribuito a lanciare la Silicon Valley e trasformare il computer nello strumento onnipresente della vita moderna

Gordon Moore tiene in mano un wafer di silicio presso la sede centrale di Intel a Santa Clara il 9 marzo 2005, il 40° anniversario della Legge di Moore

Il co-fondatore di Intel Corp. Gordon E. Moore, le cui innovazioni nella progettazione e produzione di chip semiconduttori hanno contribuito a lanciare la Silicon Valley e trasformare il computer nello strumento onnipresente e determinante della vita moderna, è morto il 24 marzo nella sua casa alle Hawaii. Aveva 94 anni.

Intel ha annunciato la morte ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Una figura centrale nella storia dell’elettronica, il dottor Moore predisse notoriamente nel 1965 che la potenza del computer sarebbe raddoppiata ogni anno per un decennio, una previsione che modificò a metà degli anni ’70 a ogni due anni. La sua profezia secondo cui la capacità di calcolo sarebbe cresciuta in modo esponenziale – e con la diminuzione dei costi – è stata soprannominata Legge di Moore ed è diventata lo standard che gli scienziati per decenni hanno cercato di soddisfare con successo.

Rendere i computer più piccoli, più veloci ed economici significava integrare sempre più circuiti su scaglie di silicio. Il Dr. Moore prevedeva che questi circuiti integrati avrebbero “portato a meraviglie come i computer di casa – o almeno i terminali collegati a un computer centrale – controlli automatici per automobili e apparecchiature di comunicazione portatili personali”, come disse nell’articolo della rivista del 1965 dove ha ha fatto la sua previsione firma.

La legge di Moore divenne la forza trainante della tecnologia informatica per il mezzo secolo successivo. “È ciò che ha creato la Silicon Valley”, ha detto all’Associated Press Carver Mead, lo scienziato informatico in pensione del California Institute of Technology che ha coniato la frase “Legge di Moore”, ha detto all’Associated Press in occasione del 40° anniversario della legge.

“L’innovazione nell’elettronica ha tanto a che fare con la visione quanto con l’armeggiare, e Gordon Moore ha visto il futuro meglio di chiunque altro negli ultimi 50 anni”, ha affermato Michael S. Malone, autore di “The Intel Trinity”, una storia del 2014 della compagnia. “L’industria non ha misurato le proprie prestazioni in base alla legge di Moore. Ha progettato e mirato i suoi obiettivi sulla base di esso, trasformando la legge in una profezia che si autoavvera.

Intel ha guidato il rapido progresso. Nel 1971 introdusse il primo circuito integrato così potente da poter essere definito un “processore programmabile generico” – o microprocessore – il cervello di un computer su un singolo chip. Aveva 2.300 transistor su un pezzo di silicio di 12 millimetri quadrati, o una frazione delle dimensioni di una miniatura.

“Siamo davvero i rivoluzionari nel mondo oggi, non i ragazzi con i capelli lunghi e la barba che stavano distruggendo le scuole qualche anno fa”, disse il dottor Moore a un giornalista all’epoca. (Oggi Intel, ancora leader del settore, può inserire circa 1,2 miliardi di transistor nello stesso spazio.)

Il dottor Moore sapeva che l’aumento della potenza del computer ottenuto stipando più transistor in chip più piccoli alla fine si sarebbe scontrato con le leggi della fisica, con le dimensioni di un atomo che limitavano la capacità di restringere i percorsi di silicio su cui viaggiano gli elettroni. Ma ha messo in guardia dal prevedere “la fine del progresso” perché gli scienziati, ha detto, continueranno a trovare soluzioni sempre più ingegnose.

“Ogni volta che qualcuno dichiara morta la legge di Moore”, ha detto Malone, “c’è qualche svolta”.

Il circuito integrato

Il Dr. Moore ha fondato Intel nel 1968 con il fisico Robert Noyce . È stato anche uno dei fondatori, con Noyce e altri sei, di Fairchild Semiconductor, fondata nel 1957. Delle numerose invenzioni di Fairchild, due si distinguono per aver rivoluzionato l’informatica e il Dr. Moore ha avuto una mano significativa in ciascuna.

Il primo era un processo di stampa chimica per produrre chip per computer in lotti anziché uno alla volta. L’altra, un’idea di Noyce, era quella di posizionare su un pezzo di silicio non solo un transistor – l’interruttore on-off dei computer – ma molti, insieme ai fili per collegarli. Questo era il circuito integrato, che si è evoluto in Intel nel microprocessore. (Uno scienziato della Texas Instruments, Jack Kilby, ha inventato simultaneamente e indipendentemente il circuito integrato.)

I circuiti integrati ei mezzi per produrli in massa hanno dato il via alla corsa scientifica e aziendale il cui ritmo è stato stabilito dalla legge di Moore.

Fairchild, con sede a sud-est di San Francisco, non ha concesso stock option al proprio personale e molti scienziati se ne sono andati per formare nuove società. Denominate “Fairchildren”, le società includevano Advanced Micro Devices, National Semiconductor, LSI Logic e Intel.

L’esodo da Fairchild ha trasformato i frutteti della campagna circostante nella Silicon Valley, una mecca per le start-up ad alta tecnologia. Una mostra al Computer History Museum di Mountain View ha un “albero genealogico” di dozzine di aziende della valle con radici a Fairchild.

“Sembrava che ogni volta che avevamo una nuova idea di prodotto, avessimo diversi spin-off”, ha detto il dottor Moore in un’intervista del 2015 fatta per la Chemical Heritage Foundation. “La maggior parte delle aziende qui intorno anche oggi può far risalire la propria discendenza a Fairchild. È stato davvero il luogo che ha fatto davvero muovere l’ingegnere-imprenditore.

 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

PLAYRETRO.IT