Home Review GRAN TRAK 10

GRAN TRAK 10

Il primo vero gioco di corse F1 Arcade

di LittlePellizza

Il primo simulatore di F1 e di corse arcade 

 

Gran Trak 10

 

Gran Trak 10
Piattaforma Arcade
Data di pubblicazione 1974
Genere Simulatore di guida
Origine Stati Uniti
Sviluppo Steve Mayer, Larry Edmonds
Pubblicazione Atari
Modalità di gioco giocatore singolo
Specifiche arcade
CPU no
Processore audio mono, 1 canale
Schermo orizzontale, raster TV, bianco e nero
Periferica di input volante, leva del cambio a 4 marce (1/2/3/R), pedali del freno e dell’acceleratore

COIN OP

 

LA SCHEDA PCB

Gran Trak 10 è un simulatore di guida arcade sviluppato e pubblicato da Atari nel 1974.E’ il primo gioco di F1 che si ricordi ed il primo vero gioco di corsa arcade basato su rom.E’ il secondo gioco Atari dopo Pong.

Gran Trak 10 è un videogioco di guida arcade sviluppato da Atari attraverso la sua sussidiaria Cyan Engineering e pubblicato da Atari nel maggio 1974. Nel gioco, un singolo giocatore guida un’auto lungo una pista, vista dall’alto, evitando muri di tralicci, macchie d’olio e cercando di superare quanti più checkpoint possibili prima che scada il tempo cercando di accumulare il maggior numero di punti. Il gioco è controllato con un volante, i pedali dell’acceleratore e del freno e una leva del cambio , e l’auto si schianta e gira se colpisce un pilone.

 

Il giocatore controlla l’auto con il volante, i pedali dell’acceleratore e del freno e la leva del cambio, come in una vera macchina. Il cambio marcia richiede al giocatore di passare dalla retromarcia alla prima, alla seconda e alla terza marcia secondo necessità, ma i pedali sono controlli digitali anziché analogici, quindi il giocatore non può controllare la sua velocità applicando diversi livelli di pressione. Il volante gira l’auto solo mentre viene girata, piuttosto che avere una posizione “dritta” neutra. La frenata non ferma l’auto all’istante e girare durante la frenata farà sbandare l’auto. Il percorso è definito sullo schermo da pareti di puntini bianchi che rappresentano tralicci, che se colpiti fermano l’auto e la fanno girare. C’è solo un layout a binario unico. La pista contiene un percorso nero che rappresenta una marea nera, che impedisce all’auto del giocatore di svoltare. Nella parte superiore dello schermo ci sono due numeri; il numero a destra è il tempo rimanente nel gioco.

Il tempo per partita, sebbene il contatore parta sempre da 78, è di default di 105 secondi ed è regolabile dall’operatore di gioco; cambiando il tempo si regola sia la velocità del contatore che il tempo che un giocatore trascorre in crash dopo aver colpito un pilone. Un interruttore sul circuito interno può disattivare completamente gli arresti anomali, mentre un altro consente di giocare due partite per un quarto anziché una. Un cartello sulla parte anteriore del gioco fornisce valutazioni suggerite per il punteggio in un determinato gioco, da “Licenza revocata” per 10 punti o meno a “Real Pro” per maggiore di 40; il manuale dell’operatore suggerisce di cambiare o rimuovere questa carta se il tempo per gioco viene modificato. 

Gran Trak 10 detiene il primato di essere il primo arcade a utilizzare le ROM a diodi per immagazzinare i dati del gioco ed è anche il primo gioco ad avere dei personaggi definiti graficamente al posto di semplici figure geometriche (ad esempio Pong) o un insieme di punti (vedi Computer Space). La primitiva ROM usata in Gran Trak 10 conteneva infatti gli sprite dell’auto, i caratteri per il punteggio e il tempo, e i dati della pista. I controlli del gioco in stile automobilistico — il volante, la leva del cambio che simula le 4 marce e la pedaliera con l’acceleratore e il freno — comparivano anch’essi per la prima volta in un arcade.Si puo definire il primo gioco arcade complesso.

L’auto è piuttosto piccola, tuttavia, e la pista è un mucchio di singoli punti messi insieme. La vista dall’alto toglie il realismo dal gioco poiché nessuno guida un’auto da una vista dall’alto. Nel complesso, la grafica serve al suo scopo .Gran Trak 10 presenta rumori del motore, freni e crash semi-realistici. Tutti i suoni sono generati attraverso la modulazione ad onda quadra e sono un buon passo avanti rispetto ai semplici suoni di Pong

La guida era rudimentale : L’auto non ha slancio; quando il volante gira, l’auto cambia istantaneamente direzione. Puoi fare una svolta di 180 gradi alla massima velocità e l’auto farà esattamente ciò che dice la ruota istantaneamente

Il cambio dispone di tre marce avanti e una retromarcia. Il cambio è per lo più realistico e ben fatto. In teoria, la retromarcia viene utilizzata per tirare fuori l’auto dopo un incidente, ma lo stesso può essere ottenuto più rapidamente facendo semplicemente girare la ruota e utilizzando una marcia avanti

Indubbiamente per l’epoca era un grande passo avanti, l’introduzione poi di comandi come il volante una cosa unica

STORIA

Il fondatore di Atari Nolan Bushnell aveva originariamente pianificato di sviluppare un videogioco di guida ispirato al gioco elettromeccanico arcade Speedway (1969) di Chicago Coin quando fondò la società, ma lo cancellò a favore di un gioco più semplice, Pong (1972). Atari alla fine iniziò lo sviluppo di un videogioco di guida, Gran Trak 10 , alla fine del 1973. Inizialmente fu progettato da Larry Emmons di Cyan, con il design meccanico gestito da Eigen Systems, anche se dopo che diversi problemi di progettazione e produzione furono scoperti durante un primo piccolo produzione nel marzo 1974 il design è stato revisionato da Allan Alcorn , il designer di Pong , con una distribuzione più ampia a partire da maggio. I circuiti del gioco includono forse la prima istanza di memoria di sola lettura (ROM) basata su circuiti integrati , che in seguito divenne lo standard per i giochi arcade, sostituendo la grafica memorizzata su diodi .

Gran Trak 10 è stato sviluppato durante un periodo di diversi cambiamenti interni ad Atari; di conseguenza i problemi di comunicazione hanno portato Atari a non tenere traccia con precisione delle spese di produzione del gioco. Inizialmente è stato venduto ai distributori per una perdita netta di 100 dollari USA per armadio; anche se questo difetto è stato corretto, ha contribuito a una perdita totale di $ 500.000 per la società quell’anno fiscale, mettendo Atari in difficoltà finanziarie. Il gioco stesso ebbe successo e portò a diverse versioni del gioco prodotte nel 1974 da Atari e dalla sua sussidiaria Kee Games , tra cui una versione con cabina più piccola intitolata Trak 10 e una versione per due giocatori intitolata Gran Trak 20 , oltre a numerose versioni successive. giochi di corse. Gran Trak 10è stato il primo videogioco arcade di guida di auto, sebbene Atari avesse rilasciato il gioco di corse di astronavi Space Race nel 1973 e un semplice gioco di corse, Wipeout , fosse incluso con la console Magnavox Odyssey del 1972 .

Sviluppo 

Quando era uno studente di college, Nolan Bushnell aveva lavorato in una sala giochi , dove ha potuto conoscere di arcade giochi elettromeccanici (giochi EM) come Chicago Coin ‘s gioco di corse Speedway (1969), guardando clienti giocare e contribuendo a mantenere la macchina in buono stato mentre imparava come funzionava e sviluppava la sua comprensione di come funziona il business dei giochi. Quando iniziò a lavorare sui videogiochi, Bushnell aveva originariamente pianificato di sviluppare un videogioco di guida, influenzato da Speedway che all’epoca era il gioco più venduto nella sua sala giochi;  Speedway era il driving EM game, ed era una versione con licenza di Indy 500 (1968) di Kasco . Tuttavia, Bushnell temeva che potesse essere troppo complicato per il primo gioco di Al Alcorn , così decise invece di sviluppare un gioco più semplice, Pong (1972). 

Alla fine del 1973, Atari iniziò a lavorare su un videogioco di guida. Il lavoro di progettazione stesso è stato gestito da Cyan Engineering , che era recentemente diventata una sussidiaria di ricerca e sviluppo semi-indipendente di Atari e in precedenza si era occupata della progettazione del prototipo di Gotcha . Larry Emmons ha sviluppato i circuiti per controllare l’auto stessa nel gioco, creando la sensazione di frenata, accelerazione e movimento. Emmons utilizzava anche la memoria basata su circuiti integrati , in particolare la mask ROM (memoria di sola lettura), nella sua progettazione di circuiti per memorizzare dati grafici come le tracce, piuttosto che gli array di diodi utilizzati dai precedenti giochi arcade. Si ritiene che questo sia il primo utilizzo della memoria basata su circuiti integrati in un gioco arcade, e da allora in poi le ROM sono diventate lo standard per i videogiochi arcade e per console.  I progetti meccanici per il gioco, inclusi il volante, il pedale e i controller del cambio, sono stati sviluppati da Eigen Systems, situata nello stesso edificio di Cyan e fondata da ex colleghi dei fondatori Cyan Emmons e Steven Mayer. A un certo punto, il design del gioco includeva una piccola stampante che avrebbe stampato i punteggi più alti una volta raggiunti, ma questa è stata rimossa prima del design finale. 

Allan Alcorn , il designer di Pong , prese un periodo di aspettativa dall’azienda a partire dal settembre 1973, e nello stesso periodo Steve Bristow, che in precedenza aveva lavorato con i fondatori di Atari al primo videogioco arcade Computer Space , lasciò  Kee Games . Questo a sua volta ha lasciato Lloyd Warman,  per la società come la test di ingegneria per Atari durante Gran Trak  sviluppo s. Alcorn ed Emmons hanno dichiarato di ritenere che Warman fosse un buon ingegnere ma un pessimo project manager, il che ha portato al Gran Trak progetto in ritardo rispetto al programma e con diversi problemi di progettazione. Ciò è stato esacerbato da un nuovo team di gestione Atari di breve durata e da una struttura di sviluppo del prodotto, che ha portato a diversi problemi di comunicazione e superamento dei costi. Quando Atari iniziò la produzione all’inizio del 1974, ebbe difficoltà a ottenere abbastanza circuiti per costruire i cabinet da National Semiconductor , che citava un progetto di circuito integrato “ibrido” di Emmons come non standard, prima rifiutandosi di venderli ad Atari e poi producendo solo piccoli lotti di produzione. Secondo Alcorn, il design non standard era una tattica per impedire ai concorrenti di copiare il design, poiché altri produttori non sarebbero stati in grado di produrlo.

Una breve serie di sistemi Gran Trak è stata prodotta nel marzo 1974 e ha rivelato altri problemi di progettazione, come i comandi dello sterzo; nel suo sistema prototipo, Eigen ha utilizzato un vero volante e pedali per auto, ma la produzione ha utilizzato parti diverse. Alcorn è tornato a Cyan quel mese e ha ridisegnato il gioco per correggere i difetti e utilizzare parti più standard; lo schema di protezione dalla copia è stato modificato per utilizzare un circuito integrato progettato su misura che è stato chiamato lo stesso di un circuito integrato standard di Texas Instruments . In seguito Alcorn dichiarò in un’intervista che né Warman né Emmons comprendevano le difficoltà nel convertire un prototipo in un prodotto che potesse essere fabbricato. Il gioco entrò in produzione poco dopo e Atari annunciò che sarebbe stato distribuito a pieno regime nel maggio 1974. Sebbene i difetti di progettazione fossero stati corretti, i problemi di comunicazione durante lo sviluppo portarono a un ultimo problema con il gioco: Atari era poco chiaro sul costo effettivo di produzione del gioco. Di conseguenza, la produzione di un singolo gioco di Gran Trak è costata 1.095 dollari, mentre Atari li vendeva ai distributori per soli 995 dollari, perdendo 100 dollari per vendita. Atari ha subito corretto il problema, ma ha concluso l’anno fiscale con una grande perdita dovuta in parte al fallimento finanziario del gioco. 

La lotta alla pirateria

Per evitare che i concorrenti copiassero facilmente il gioco, Atari adottò uno stratagemma semplice e nel contempo efficace: assegnò al proprio chip ROM che conteneva i dati del gioco un numero di serie identico a quello di una unità aritmetica di Texas Instruments. In questo modo, quando i suoi concorrenti ordinavano i componenti per copiare Gran Trak 10, ricevevano il chip sbagliato e i loro cloni non funzionavano

Atari in perdita a causa di Gran Trak 10

Per sviluppare il gioco, Nolan Bushnell, uno dei fondatori di Atari, contattò un paio di ingegneri, Steve Mayer e Larry Edmonds, che avevano fondato a Grass Valley (California) una piccola società di sviluppo. Ma il risultato non fu esaltante: il gioco presentava infatti dei problemi di natura progettuale per cui Al Alcorn, l’ingegnere di Atari che aveva sviluppato il gioco Pong, dovette riprendere in mano il progetto e modificarlo per correggerli, con un aggravio di costi. Quando il gioco fu messo in vendita, nel prezzo finale non fu conteggiato il costo degli interventi di Alcorn per cui Gran Trak 10 fu venduto a meno di quanto costava produrlo: era a listino a 995$ ma costava ad Atari 1.095$, ben 100$ in più. Quando Atari si accorse del problema, era ormai troppo tardi: questo, unito ad altri problemi, aveva bruciato circa 500.000$, il guadagno dell’anno precedente

Fu a causa di questi problemi economici che Atari svelò i suoi legami con Kee Games, incorporandola ufficialmente e iniziando a vendere con il marchio Atari il loro gioco di successo Tank.

Atari ha riportato una perdita di $ 500.000 per l’anno fiscale 1974, all’incirca quanto i profitti dell’anno precedente, con Gran Trak come una delle principali cause. Ciò ha portato Atari in problemi finanziari profondi, lasciando parte della Gran Trak  eredità s essere ‘il gioco che ha quasi segnato Atari fuori dal mercato’. Nel settembre 1974, Atari annunciò l’intenzione di fondersi con la sua sussidiaria Kee Games; L’ultimo gioco di Kee, Tank , pubblicato nel novembre 1974, fu un successo commerciale, tuttavia, e gli viene attribuito il merito di aver sostenuto le finanze dell’Atari appena fusa in un momento critico per l’azienda. Il Gran Trak 1 0il gioco stesso, dopo che i suoi problemi furono risolti, fu considerato un successo, e Atari ne rilasciò più versioni: una versione clone intitolata Formula K fu rilasciata tramite Kee Games per diversi distributori intorno a luglio 1974, e Atari produsse una piccola versione mobile alla fine del l’anno intitolato Trak 10 .  Secondo Ralph H. Baer , la Formula K ha venduto 6.000 unità.  Una versione per due giocatori intitolata Gran Trak 20 è stata rilasciata ad agosto, insieme alla sua versione clone di Kee Games intitolata Twin Racer e alla sua versione in piccolo cabinet, Trak 20 . Baer stima che Gran Trak 20 abbia venduto 4.500 unità. [16]

Nel marzo 1976, la rivista RePlay pubblicò un sondaggio sui 20 migliori giochi arcade in uso e indicò Gran Trek 10 e 20 insieme come il quinto gioco con i guadagni più alti negli Stati Uniti nell’anno precedente, dopo Tank , Wheels , Gun Fight e India 800 .  In Giappone, è stato tra i primi dieci più alti-guadagni giochi arcade del 1977 , e tra le prime sette videogiochi di corsa dell’anno (sormontato da Taito ‘s Speed Race DX ). 

Atari ha prodotto numerosi altri giochi arcade di corse nello stesso stile di Gran Trak , tra cui Le Mans (1976), Sprint 2 (1976), Super Sprint (1986) e Badlands (1989). Gran Trak 10 è stato il primo videogioco di corse automobilistiche arcade e il primo videogioco ad utilizzare un volante, per il quale è stato chiamato il “nonno” dei videogiochi di corse automobilistiche.Prima di Gran Trak 10 , un semplice gioco di corse, Wipeout , era stato rilasciato nel 1972 per la console casalinga Magnavox  Odyssey e un gioco arcade di corse di astronavi, Space Race , era stato rilasciato da Atari nel 1973.  Gran Trak 10 ha avuto un’influenza sul designer di giochi Taito Tomohiro Nishikado ; anche se non gli piaceva il gioco a causa delle sue piste tortuose e dei controlli complessi, lo ha ispirato a sviluppare il suo videogioco di guida, adattando due vecchi giochi elettromeccanici , Mini Drive di Kasco (1958) e Super Road 7 di Taito (1970) , nel videogioco Speed ​​Race (1974). 

Versioni

Il gioco fu offerto in diverse varianti, fatte sia da Atari che da alcuni suoi concorrenti:

  • Atari
    • Gran Trak 20 (versione per 2 giocatori)
    • Le Mans versione con 10 differenti piste)
    • Sprint 4 Sprint 8 (versione a 4 e 8 giocatori di Sprint One)
    • Championship Sprint (edizione del 1986 con hardware e grafica rinnovati)
    • Super Sprint[ (come Champion Ship ma con piste differenti)
    • Bad Lands
  • Kee Games
    • Formula K[clone di Gran Trak 10)
    • Twin Racer[(clone di Gran Trak 20)
    • Indy 800(clone di Sprint 8)
    • Sprint One (il giocatore gareggia contro altre 3 auto controllate dal computer)
    • Sprint 2 (versione di Sprint One per 2 giocatori)
  • Taito
    • Cisco 400 clone di Sprint 4)
    • Fisco 400[(clone di Sprint 4)

 

Il PCB del gioco è intercambiabile con il gioco LeMans di Atari. L’unica differenza tra i due è la leva del cambio. Gran Trak 10 ha una  3 velocità con retromarcia mentre LeMans ha una 4 velocità.

Bushnell, un genio della pubblicità, ha propagandato il Gran Trak 10 come un’esperienza di guida simile a quella di un’auto reale, sebbene in realtà l’esperienza fosse tutt’altro.

LIBRERIA

Seguimi su Facebook!

 

    •  

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.