Home Amiga/C64 X-Out (Amiga /ST/c64/Amstrad Cpc/Zx Spectrum)

X-Out (Amiga /ST/c64/Amstrad Cpc/Zx Spectrum)

di LittlePellizza
Ancora una volta Rainbow Arts! Ancora una volta uno shoot’em’up ed ancora una volta un altro successo!

X-Out, pronunciato come Crossout, è un videogioco  sparatutto a scorrimento laterale uscito per  Amiga, Atari ST, Amstrad CPC, Commodore 64 e ZX Spectrum, pubblicato nel 1990 da Rainbow Arts.e che all’epoca riscosse un inaspettato successo di critica.

Nome X-OUT
Anno 1989: C64
1990: Amiga, ST, Spectrum, CPC
Piattaforma Amiga / ST/Spectrum/Amstrad cpc
Rilasciato Germany
Genere Arcade
Tema  Sparefuggi
Publisher  Rainbow Arts Software
Developer Arc Development

  • Codice: Heiko Schröder
  • Grafica: Celal Kandemiroglu
Prospettiva Orizzontale

 

La storia

È il 2019. È successo qualcosa di incredibile, per il quale 12 miliardi di persone aspettano da molto tempo. Il primo contatto con la vita extraterrestre! Ma gli alieni provenienti da Alpha Centauri non erano amichevoli e conquistarono la terra a poco a poco. La cosa speciale era che non venivano dallo spazio, ma dai mari. Sono alieni, che vivono nell’acqua e sono venuti qui da un ponte Einstein-Rosen creato artificialmente. Attraverso questo wormhole arrivarono non solo gli alieni, ma anche strani animali marini alieni . Le superpotenze del mondo hanno unito le forze per formare il progetto ”Deep Star”, l’ultima macchina da guerra sottomarina. Gli ordini impartiti sono di sconfiggere gli invasori che occupano le profondità oceaniche

Ok la storia è quella che è ;:)

 

Il gioco

Ciò che  rende X-out diverso dai soliti sparefuggi dell’epoca e’ l’ambientazione sottomarina che gli regala quel tocco d’originalità sufficiente a renderlo appetibile.Graficamente bene fatto, e musiche/sonoro su Amiga furono curate da Chris Huelsbeck mentre su C64 da Adam Bulka e Michael Hendriks.

Ambientazione a parte la struttura di gioco è quella classica di uno shoot’em’up a scorrimento orrizontale.Guidate un astronave (possibilità di selezionarne tra 4 di cui una a forma di scarrafone)  attraversando diversi livelli con il classico Boss alla fine.Presente diverse armi e il pod (che possono esssere più di uno) per ampliare la potenza di fuoco.Prima di iniziare il gioco e tra un livello e l’altro, il giocatore visita un negozio e utilizza il punteggio di gioco per acquistare nuovi sottomarini e attrezzature.

Possibilità all’inizio di gioco di scegliere fra quattro diverse astronavi.Ognuno può essere equipaggiato con un’arma da fuoco unidirezionale, bidirezionale o tripla di potenza crescente (e quindi di costo). Le armi secondarie includono onde soniche, colpi potenti e missili a ricerca del bersaglio. Il giocatore può anche acquistare satelliti ausiliari e specificare il loro schema di movimento, che può essere orbite circolari, movimenti verticali e orizzontali o un’azione di intercettazione.All’inizio del gioco disponete di 150000 crediti e potrete acquistare solo la prima delle 4.

Presente una piccola intro gioco ma nulla a che vedere con quelle Psygnosis.

 Il gioco è giocabile,frenetico  e non ha situazioni impossibili.Il gioco è solo in single player ( a differenza del futuro Z-out che offrirà la possibilità del gioco in due in contemporanea).Il gioco è composto da 8 livelli.Ciascuno di questi mondi è composto da ondate di attacchi alieni,con  postazioni di attacco a terra, alcune in movimento e altre ferme. A metà livello incontrerete un mid-boss e alla fine di esso dovrete affrontare un mostroBoss enorme molto più duro da abbattere. Avrete una barra d’energia che diminuirà mano a mano che verrete colpiti, oltre ai nemici dovrete stare attenti anche alle varie parti del fondale se ci andrete contro perderete automaticamente una vita , l’unica a disposizione, e dovrete ricominciare. da capo.

ARMI ED ASTRONAVI                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         CREDITI

Orange Shot Weak

Mono Sparo

L’arma di partenza di ogni astronave  
Orange Shot Normal

Doppio Sparo

Doppio Sparo 800
Orange Shot Strong

Triplo Sparo

Triplo sparo 1600

Blue Shot Weak

Mono Sparo

Mono sparo potenziato 1000

Blue Shot Normal

Doppio Sparo

Doppio Sparo potenziato 1600

Blue Shot Strong

 

Triplo Sparo

Triplo sparo potenziato. 3200
Best Shot Weak
 
Mono sparo
Mono sparo super potenziato 2000

Best Shot Normal

Doppio Sparo

Doppio Sparo super potenziato 3200

Best Shot Strong

 

Triplo Sparo

Triplo sparo super potenziato 6400
Ship 1

Nave1
Nave base detta scarrafone. 3000
Ship 2

Nave 2
Nave piccola. 4000
Ship 3

Nave 3
Nave media 5000
Ship 4
Nave 4
Nave grande 6000

Weak Guided Missle

Missile teleguidato

Missile teleguidato automatico 500

Normal Guided Missle

Missile teleguidato medio

Missile teleguidato automatico potenza media 800

Strong Guided Missle

Missile teleguidato Forte

Missile teleguidato automatico potenza forte 1200
Bouncing Bomb

Bomba saltellante

Bomba saltellante 2500
Energywall

Muro d’energia

Muro laser 4500
Flamethrower

Lanciafiamme 1

Lanciafiamme 3500
Firedraw

Lanciafiamme 2

Lanciafiamme versione 2 2500
Smartbomb

Smartbomb

Bomba intelligente 2000
Drone

Drone

Drone 1 2000
Drone Collect Device

Drone

Drone 2 1000
Laser

Laser

Laser 6000
Shield

Shield

Scudo 2500
Satellite

Pod base

Pod Fisso 2500
Guided Sat

Pod automatico

Pod che colpisce i nemici vicini all’astronave 3500
Sat Half Circle

Pod circolare medio

Pod con movimenti circolari 2750
Sat Large Circle

Pod Circolare grande

Pod con movimenti circolari 2500
Sat Mirror

Sat Mirror

Pod che si muove a destra e sinistra 3000
Vsat

Pod Vsat

Pod che si muove su e giu 2500
Sat Small Cirlce

Pod Circolare

Pod con movimenti circolari 2500

Sat Oval

Pod Ovale

Pod con movimenti ovali 2500

 

Versione Amiga

Il gioco “ammiraglio”, ovvero la migliore tra tutte le versioni del gioco uscite per i vari sistemi è quella Amiga (quella Commodore 64 rimane comunque sullo stesso livello facendo le dovute proporzioni). Il gioco si presenta a livello grafico subito bene, con una porzione di schermo molto ampia dove muovere agilmente la vostra nave subacquea. La grafica è ben definita nitida con colori metallici ben distribuiti sui vari sprite e fondali. la musica e gli effetti sonori sono curati dal maestro Chris Hülsbeck, famosissimo nella scena Amiga per aver creato le più belle colonne sonore per questo sistema, e anche quì il risultato si sente benissimo, musica d’atmosfera nella sequenza introduttiva, nel finale e nella tabella dei punteggi alti, e motivi dal tono incalzante e “tecnico” durante l’azione in-game, che ben si adattano al mondo sottomarino creatogli attorno. Un pò sotto tono gli effetti sonori.

La giocabilità è buona, il gioco è molto difficile nelle prime fasi, ma facendo la mano si riescono a superare le difficoltà iniziali, e progredire nei vari livelli. Gli accessi da disco sono abbastanza veloci, e non spezzano per niente l’azione di gioco, già per altro intervallata ad ogni livello dalla presenza innovativa del negozio, per la scelta della navetta e delle armi. Ottimo gioco che non brilla certo a livello di gameplay, ma che offre un buon rapporto tra grafica, sonoro e giocabilità, che piacerà molto agli amanti degli sparatutto.

 

Versione C64

 

X-Out su c64 si presenta decisamente bene, presente la breve intro; Il gameplay subisce qualche rallentamento nei momenti più concitati, ma in genere scorre fluida nonostante la grande quantità di sprites presenti sullo schermo e l’ottimo scorrimento (multidirezionale) in parallasse. La grafica è dettagliatissima, con sprites in overlay per le astronavi “amiche” e mostri di fine livello enormi e ben disegnati.

Per quanto riguarda il sonoro (firmato dai F.A.M.E.), ricalca fedelmente quello della versione AMIGA,  e mostrano un ottimo uso di tutte le potenzialità del mitico SID (basta ascoltare quelle del secondo livello per rimanere a bocca aperta). La musica iniziale e quella dei record, invece, sono autentici capolavori, con suoni spettacolari e melodie molto orecchiabili, in rapporto battono di gran misura i brani della versione AMIGA.

La giocabilità è discreta, limitata da un’area di gioco un pò troppo piccola e da una difficoltà iniziale proibitiva per i meno esperti; tuttavia il fatto di poter affrontare ogni livello scegliendo di volta in volta armi differenti offre un motivo in più per perseverare. Bisogna però fare i conti con caricamenti da cassetta molto frequenti, anche se fortunatamente brevi.

 

Versione  Amstrad Cpc

Premetto che la versione Amstrad CPC, soprattutto se confrontata con la versione Commodore 64, non regge certo un confronto diretto Per qualche motivo inspiegabile la favolosa intro che si vede negli altri sistemi, è stata in questa versione completamente rimossa, quindi partirete immediatamente nel negozio di armi, per la scelta dei vari equipaggiamenti.

Il gioco sfrutta la modalità 0 (16 colori), la maggior parte dei giochi programmati per Amstrad CPC possiedono questa modalità, che offre una ricchezza cromatica buona, con colori vivi e accesi, ma ha evidenti problemi con le routine che gestiscono lo scrolling a scorrimento, rendendoli lenti e alcuni addirittura ingiocabili. Superato il primo momento, si passa alla selezione degli armamenti, il tutto molto colorato nel classico stile Amstrad CPC, molto piacevole per la vista, un pò meno per il dettaglio grafico, lievemente grezzo, ma comunque accettabile. Il caricamento da disco è velocissimo, mentre per la cassetta bisogna attendere molto

Notiamo subito delle differenze (rispetto alle altre versioni) importanti da sottolineare, la nota più dolente è la mancanza dei fondali in background (per fortuna alcuni elementi che li compongono, non hanno perso le animazioni), sostituiti da uno schermo nero, facendo sembrare il gioco ambientato nello spazio, e non nelle profondità abissali marine. Altra differenza è la mancanza di una colonna sonora durante i vari livelli.

Tuttavia i colori e il dettaglio sono i migliori mai visti per CPC, e in generale per questo genere di giochi, alcuni sprite, come i boss di fine livello, sono davvero enormi e ben animati. Anche gli effetti sonori sono ben realizzati, ma la cosa più importante è che la velocità non è stata sacrificata, il gioco scorre via liscio e senza rallentamenti, nonostante lo schermo a volte si riempia di nemici e proiettili in movimento. Questa particolarità fà di X-Out per Amstrad CPC uno dei migliori sparatutto per questo sistema, tutti gli altri dettagli descritti prima passano in secondo piano, l’essenza del gioco è stata salvata ed è rimasta integra. Ottimo gioco, da provare assolutamente con un’unica raccomandazione, la perseveranza, poichè il gioco è difficilissimo in questa versione.

https://www.youtube.com/watch?v=sVcRhhRH6kw

 

Versione Spectrum 

Lo Spectrum non ha mai brillato in fatto di colori (non di definizione), e questo X-Out non fà di certo eccezione. Dopo la prima schermata di presentazione ( L’intro che si vede nelle versioni Amiga e C64 possiedono anche la seconda parte, in cui si vede la navetta che esce fuori dall’ hangar sottomarino, sezione rimossa nella versione  per Spectrum che per Atari ST, e completamente assente nella versione Amstrad CPC), si passa alla scelta degli armamenti, in un rigoroso blu monocromatico, che ci accompagnerà per tutto il gioco

.

La definizione dei vari sprite è molto buona, il gioco è velocissimo e non rallenta mai, nemmeno in presenza di numerosi oggetti in contemporanea sullo schermo, i vari colpi sono ben distinguibili e non creano momenti di confusione confondendosi con lo schermo, la colonna sonora è assente, e gli effetti sonori sono curati e ben realizzati. Ottimi i mostri di metà e fine livello, impressionanti nelle loro proporzioni davvero ragguardevoli.

Come per la versione Amstrad CPC anche in questa versione sono assenti i fondali, ma in questo caso la scelta è stata obbligata, in quanto la monocromia avrebbe creato problemi nella distinguibilità degli oggetti e delle astronavi nemiche, rendendo il prodotto ingiocabile.

 

 

 

 

Versione ATARI ST

Di solito i giochi per Atari ST passano in secondo piano in quanto la maggior parte di essi si avvicinano molto a quelli programmati per Commodore Amiga, macchina con cui condivide il microprocessore principale a 16-bit, il Motorola 68000, ma X-Out è un gioco che nasce originariamente su Amiga (e sul Commodore 64), ed è proprio con questa che si andranno a fare le dovute comparazioni.

Per iniziare la splendida intro è sacrificata e manca della seconda parte in cui si vede la navetta uscire dall’ hangar, nulla da dire per la musica che accompagna la schermata iniziale col titolo, davvero ben realizzata da Frank Lautenbach dei Soundmachine, che si difende bene, ma non raggiunge il livello qualitativo di quella del maestro Chris Huelsbeck.

Tutto il resto vale il discorso effettuato per la versione Amiga, il gioco è veloce e ben definito, i boss di fine e metà livello sono enormi, ben animati e impressionanti, un’unico appunto per l’area di gioco, maggiormente sacrificata da una cornice che limita un pò di più gli spazi di manovra della vostra nave, rendendo il gioco (già impegnativo di per sè) ancora più difficile. Buoni effetti e colonna sonora

 

 

 

Curiosità

Molti effetti sonori e fondali sono presenti anche in Turrican; la musica del livello 5 è identica a quella di Turrican, Livello 3-1 ( la saga del riciclo) per la versione amiga.Su C64 parecchi fondali sembrano riciclati da Katakis. La musica degli stage 4 e 7 è riciclata in Turrican.

La versione ZX Spectrum ha ottenuto un successo di critica. Your Sinclair  gli ha dato un punteggio dell’84%, evidenziando la sequenza completa del negozio e i nemici grandi e ben animati. Le critiche includevano la grafica monocromatica che si diceva fosse un po ‘confusa e la mancanza di un senso di pericolo

Durante il periodo di rilascio, si è discusso se il gioco fosse effettivamente pronunciato “barrato” o “X eliminato” ( “ex out” ). Tuttavia, la versione su cassetta del rilascio del Commodore 64 mostra “Loading Crossout” all’inizio del processo di caricamento. Inoltre, in entrambe le versioni Amiga e C64, la voce sintetizzata nell’introduzione dice “Preparati per Crossout”. Il sequel Z-Out abbandona questo modello di pronuncia.

Trucchi

  • Nel negozio selezionare la prima astronave a insetto nella parte superiore dello schermo e posizionarla nella zona griglia. Quindi, selezionare l’arma più debole a singolo raggio (il laser arancione) e posizionarlo sul naso del negoziante. Continua a cliccare il pulsante sinistro del mouse o del fuoco fino a quando il totale raggiunge i 500.000 crediti

  •  Quando affronti il ​​boss finale del livello 2, spara prima alla parte superiore del braccio che spara il laser. Quindi spara al braccio inferiore con la leva. Ora spostati nell’area in alto a sinistra, cambia il joystick sul fuoco permanente e prendi un caffè. Quando hai raccolto abbastanza punti, distruggi finalmente il boss finale e componi il tuo sottomarino di classe premium nel negozio.
  • I boss finali vengono sconfitti più velocemente con lo scudo attivato.
  • Alla fine del gioco viene spiegato come attivare il cheat mode

Rom :

Rom amiga Link

Rom C64 link

Rom Spectrum

MANUALE DEL GIOCO :

E per finire un po di recensioni dell’epoca



 

 

Lascia un commento!

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.